Politica

domenica 26 aprile 2020

Fase 2, tutto quello che c'è da sapere

Fase 2, tutto quello che c'è da sapere

di Luca Petinari

"Se ami l'Italia mantieni le distanze di sicurezza, non possiamo permetterci che la curva dei contagi sfugga di mano". Apre così la conferenza stampa Giuseppe Conte, in cui il premier annuncia l'inizio della Fase 2 prevista dal 4 maggio così come segue:

Dal 4 maggio:

- All'interno delle regioni gli spostamenti saranno consentiti solo per comprovati motivi lavorativi o di urgenza ma con l'aggiunta di poter far visita ai propri congiunti sempre nel rispetto delle distanze di sicurezza
- Per chi presenta sintomi l'obbligo di rimanere in casa, contattare il proprio medico e ridurre le interazioni sociali
- Non sono consentiti assembramenti né pubblici né privati
- I sindaci all'occorrenza hanno la possibilità di chiudere determinate zone per evitare assembramenti
- Consentito l'accesso a parchi, ville e giardini pubblici ma con il mantenimento delle distanze
- Sport: consentita l'attività motoria anche lontano dalla propria abitazione ma con distanziamento aumentato a due metri per le attività più dinamiche
- Consentite le sessioni di allenamento individuale per professionisti e non riconosciuti dal Coni, a porte chiuse e senza assembramenti
- Consentite le cerimonie funebri, possibilmente all'aperto, limitate alla presenza dei soli congiunti con un massimo di 15 persone
- Attività di ristorazione e bar con servizio da asporto da non consumarsi nel pressi dell'attività
- Imprese: riapertura della manifattura, delle costruzioni e del commercio all'ingrosso funzionale a manifattura e costruzioni nel rispetto dei protocolli di sicurezza

Dal 18 maggio:

- Imprese: riapertura del commercio al dettaglio di attività funzionali a manifattura e costruzioni
- Riapertura di musei, mostre e biblioteche
- Allenamenti consentiti per gli sport di squadra a porte chiuse

Anticipazioni dall'1 giugno:

- Riaperture di bar, ristorazione e attività per la cura della persona (parrucchieri, centri estetici ecc.)

Conte ha fatto leva sul senso di responsabilità personale nel mantenimento delle distanze di sicurezza. Inoltre ha annunciato che il costo dei dispositivi di protezione individuale sarà regolato direttamente dallo stato, fissando un prezzo di 50 centesimi per le mascherine chirurgiche.

QUI IL NUOVO DPCM COMPLETO DEL 26 APRILE

Qui le cose da sapere per chi fa attività motoria

Qui per capire meglio chi sono gli "affetti stabili"

Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info