Politica

mercoledì 06 gennaio 2021

«Non accettiamo lezioni di coerenza dal M5S», la replica del centrodestra pesarese

«Non accettiamo lezioni di coerenza dal M5S», la replica del centrodestra pesarese

di Ufficio Stampa Centrodestra Pesaro

“Inaccettabili le lezioni di coerenza dal pentastellato Lugli. Si accomodi in maggioranza e si scusi con gli elettori che ha tradito”.  Senza mezzi termini i gruppi consiliari di Lega, Prima c'è Pesaro, Fratelli d'Italia e Forza Italia rispondono con decisione al consigliere 5 Stelle Lorenzo Lugli che ha pesantemente attaccato i gruppi di opposizione. 

“Non accettiamo alcuna lezione dal consigliere Lugli che, nel tentativo di nascondere il tradimento del voto elettorale, preferisce nascondersi ed attaccare i consiglieri di centrodestra.  Ricordiamo al consigliere Lugli che lui e i suoi colleghi del M5S a poche settimane dal voto in cui i cittadini li hanno eletti per essere all'opposizione di Ricci e del PD, abbiano preferito accomodarsi in maggioranza. A differenza dell'attuale assessore Frenquellucci che ha avuto almeno il coraggio di metterci la faccia e di farlo in modo palese, il consigliere Lugli ha preferito rimanere nei banchi dell'opposizione e amoreggiare di nascosto con il PD assieme ai suoi colleghi.

E così, mentre il moralizzatore Lugli predicava la coerenza, in questi mesi ha votato con la maggioranza la stessa mozione sulla sanità e sull'ospedale, la stessa mozione sul biodigestore, lo stesso bilancio di previsione. Il consigliere Lugli peró, al contrario dei suoi colleghi, è riuscito ad andare oltre, arrivando a votare con la maggioranza persino la condivisione dell'intitolazione a Craxi. Solo pochi mesi fa il consigliere Lugli scriveva “Inaccettabile l'intitolazione di una via a Craxi.  Bettino, a Pesaro niente bottino!” ed oggi, per paura di ferire la sensibilità del sindaco Ricci, vota assieme al  PD accompagnando  il gesto da un pistolotto moraleggiante. Inoltre proprio nell'ultimo consiglio comunale, al posto che denunciare lo scandalo dell'arretratezza della raccolta di prossimità dei rifiuti che a Pesaro ancora non è neanche nella fase di sperimentazione, Lugli si dichiara soddisfatto.  Sono lontani i tempi in cui i pentastellati pesaresi lottavano con coraggio e determinazione contro le scelte del PD sulla sanità, contro lo strapotere di Marche Multiservizi e contro l'assenza di una strategia per la raccolta di rifiuti. Oggi i 5 stelle pesaresi sono parte del sistema che volevano contrastare.”

“Come definire se non opportunista chi decide di accettare le briciole concesse dal PD tradendo il progetto, senz’altro ambizioso, del bilancio partecipato pur di affermare di aver fatto qualcosa? 

D’altro canto i 5 stelle dovevano trovare un modo per festeggiare il primo compleanno in maggioranza con l’assessore Frenquellucci.

E visto che il Consigliere Lugli, cita in aula continuamente Gianroberto Casaleggio si ricordi anche quando  diceva: "Se M5s si allea col Pd, mi dimetto". Se lo ricordi e, se almeno ha un briciolo di pudore, passi alla corte del sindaco smettendola con la favoletta del M5S pesarese come partito di opposizione e smettendola di parlare di ideali, ma inizi a parlare di poltrone come i suoi colleghi pentastellati romani”.

Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info