Politica

sabato 05 novembre 2022

No della Regione al nuovo centro diurno a Terre Roveresche, Sebastianelli: "Penalizzato il territorio"

No della Regione al nuovo centro diurno a Terre Roveresche, Sebastianelli: "Penalizzato il territorio"

di Comune di Terre Roveresche

L’amministrazione di Terre Roveresche, le parrocchie di Orciano, Barchi e Vergineto e la Fondazione Art. 32 (che annovera, oltre a Terre Roveresche, i comuni di Mondavio, Montefelcino, Fratte Rosa e Isola del Piano) si sono attivate per realizzare a proprie spese un centro diurno per anziani non autosufficienti, ma la Regione sta bloccando l’iter con il suo parere negativo di compatibilità. 

"Un parere – sottolinea il sindaco di Terre Roveresche, Antonio Sebastianelli – espresso sulla domanda di autorizzazione in base ad un atto di fabbisogno regionale del 2017, che aveva validità di 3 anni e che quindi è scaduto dal 2020". 

"La Regione ha scritto – riprende il primo cittadino – che il numero di posti autorizzabili sul territorio delle Marche per queste strutture è di 547 e che sono già stati tutti assegnati. E’ come dire che di un simile centro nel nostro territorio non c’è alcun bisogno, peccato, però, che il sottoscritto, il parroco e gli operatori della Fondazione Art. 32 percepiscono quotidianamente una situazione del tutto diversa, con tante famiglie in difficoltà nella gestione dei loro nonni in condizioni di fragilità, sia motoria che cognitiva. E poi, come sono distribuiti questi 547 posti già assegnati? C’è un’equità fra le varie province? A quanto mi risulta, in tutta la fascia che va da Fano al nostro entroterra e anche più in su, per un totale di oltre 120mila abitanti, c’è solo il centro Margherita di Fano, che accoglie 30 anziani. Lo sa chi ci amministra a livello socio-sanitario che con l’invecchiamento progressivo della popolazione queste strutture sono una necessità crescente?". 

Sebastianelli aggiunge: "Se avessimo chiesto l’accreditamento o il convenzionamento, che comportano un onere per la Regione, avremmo potuto capire, ma qui Fondazione, parrocchia e Comune vogliono fare tutto con le loro risorse. A costo zero per palazzo Raffaello, a fronte di un servizio in più, che avrebbe sicuramente una ricaduta positiva sul sistema socio-sanitario pubblico anche a livello economico, perché persone seguite e che stanno meglio si rivolgono di meno a medici e ospedali". 

Conclude il sindaco Sebastianelli: "Il centro progettato per San Bartolo, dovrebbe sorgere nella casa ‘Don Remo Bianchi’ di proprietà della parrocchia, che ne ha già dato la disponibilità ad Art. 32. Sono previsti 25 posti per anziani fragili, alle prese con problematiche motorie o con un decadimento cognitivo lieve, che avrebbero a disposizione un fisioterapista, uno psicologo e neuropsicologo, un infermiere, due operatori socio sanitari e un istruttore di ginnastica dolce. Un servizio troppo importante per non attuarlo. Forti anche del parere favorevole già espresso da Asur, presenteremo a brevissimo le nostre controdeduzioni alla Regione".



Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info