Politica

mercoledì 31 marzo 2021

Morani: "Acquaroli imbarazzante, boom contagi sua responsabilità, la Regione in mano a dilettanti allo sbaraglio"

Morani: "Acquaroli imbarazzante, boom contagi sua responsabilità, la Regione in mano a dilettanti allo sbaraglio"

di Ufficio Stampa

"È veramente sconfortante leggere il post del presidente Acquaroli che si augura che i contagi nelle Marche siano un picco sporadico perché vorrebbe allentare le restrizioni dopo Pasqua. Ma è, soprattutto, la parte in cui dice di non avere strumenti per arginare la pandemia che è imbarazzante. Il presidente Acquaroli mente sapendo di mentire: la situazione gravissima in cui versano le Marche è responsabilità sua e del suo assessore Saltamartini, il Gallera delle Marche, che non hanno istituito una zona rossa vera ad Ancona quando era il momento e quando la avevamo richiesta, parliamo di più di un mese fa!" 

Lo scrive su Facebook Alessia Morani, deputata del Pd, commentando un post del governatore marchigiano Francesco Acquaroli.

"È responsabilità sua e dell’ assessore Saltamartini - prosegue - non aver effettuato screening periodici nelle scuole come avevamo richiesto (e viene da chiedersi cosa ne hanno fatto di tutti quei tamponi che hanno acquistato). È responsabilità sua e dell’assessore Saltamartini non aver organizzato una rete di Covid Hotel decente nelle Marche. È responsabilità sua e del suo assessore Saltamartini aver condotto una campagna di vaccinazione efficace ed organizzata in maniera capillare sul territorio anche con unità mobili che ci vede agli ultimi posti in Italia.Ma veramente il presidente Acquaroli vuole allentare le restrizioni nelle Marche con un tasso di occupazione delle terapie intensive al 60%? Governare significa prendersi le proprie responsabilità e significa soprattutto mettere in campo azioni amministrative efficaci, cosa che Acquaroli e la sua giunta non sono evidentemente capaci di fare. Siamo veramente in mano a dilettanti allo sbaraglio. Poveri noi", conclude Morani.

Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info