Politica

sabato 06 marzo 2021

Gioventù Nazionale: "Screening con assembramenti, immagini che raccontano la miopia del sindaco Ricci"

Gioventù Nazionale: "Screening con assembramenti, immagini che raccontano la miopia del sindaco Ricci"

di Gioventù Nazionale Pesaro

Ciò a cui abbiamo assistito nella giornata di ieri sarebbe potuto sembrare un tranquillo ritrovo di giovani in tempi normali.

Non lo era.

Quelle immagini raccontano l’evidente miopia del sindaco Matteo Ricci il quale, nemmeno in un periodo critico come quello che stiamo vivendo, riesce a mettere da parte la propria costante ricerca di visibilità.

Mentre in tutta Italia i contagi aumentano ed alcuni ospedali sono costretti a trasferire i pazienti per l’impossibilità di accoglierli, Ricci porta avanti uno screening tutto suo.

Il risultato? Svariati assembramenti ed interminabili ore di attesa.

È dunque facile comprendere il motivo per cui nessuno abbia dato seguito alla proposta del Sindaco di replicare questa operazione inopportuna.

L’amministrazione comunale aveva già manifestato le proprie carenze nella scelta del luogo preposto alle vaccinazioni, rivelatosi del tutto inadeguato, ed oggi l’ha fatto di nuovo.

In questo momento l’obiettivo principale è indirizzare quante più risorse possibili alla campagna vaccinale per salvaguardare le persone più fragili e restituire a tutti la libertà negata da mesi.

E invece anche oggi ci ritroviamo, nostro malgrado, a dover constatare la negligenza e la superficialità di un sindaco che antepone le proprie manie di protagonismo al bene comune.

Se tutto ciò si fosse verificato in un pomeriggio qualunque, in una parte qualunque della città, non sarebbero bastate le dita di una mano per contare le auto della polizia che sarebbero intervenute ad elevare sanzioni.

Qui, invece, è il Sindaco stesso a promuovere situazioni di questo genere.

Noi giovani non vogliamo diventare le pedine della propaganda di Ricci. 

Stiamo affrontando innumerevoli rinunce per la salvaguardia dei più fragili ed è impensabile che siano le stesse istituzioni a creare situazioni potenzialmente pericolose per tutti.

Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info