Politica

giovedì 21 novembre 2019

«Dobbiamo lavorare per fare educazione fiscale, chi paga le tasse non è un fesso»

«Dobbiamo lavorare per fare educazione fiscale, chi paga le tasse non è un fesso»

«Dobbiamo lavorare per fare educazione fiscale, sostenendo la cultura che rimarca che chi paga le tasse non è un fesso. Ogni euro che non recuperiamo da chi non paga le tasse, è un euro in più che viene pagato da chi copre i servizi per tutti». Lo dice il sindaco di Pesaro e presidente Ali-Autonomie locali italiane Matteo Ricci, commentando la possibilità di riscossione delle imposte locali e delle entrate patrimoniali non pagate da Comuni e Province. Secondo Ricci, «quello che prevede l’articolo di legge di bilancio non è nulla di scandaloso, anzi è sacrosanto per i Comuni e in generale per una giustizia fiscale che deve valere anche a livello locale. Non si introducono nuove tasse, si semplifica una procedura che esiste da anni. Invece di farla in due atti, la si fa in un solo atto. E in un anno al posto che in un arco temporale di tre anni. Si dà quindi uno strumento in più ai Comuni per riscuotere quello che devono. Continuando a informare i cittadini che devono pagare, dandogli il tempo di adeguarsi e rateizzare. E’ una procedura secca, unica, con un periodo temporale di un anno che è ragionevole per recuperare una riscossione. E' il senso di quello che prevede l’articolo della legge di bilancio», conclude Ricci.

Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Questo sito usa cookie di Google Analytics per raccogliere dati in forma esclusivamente aggregata al fine di migliorare l'esperienza degli utenti e le funzionalità del sito.

Leggi l'informativa estesa