Politica

martedì 14 novembre 2023

Concorso infermieri, Biancani: "Per poche settimane sono stati esclusi dal concorso tutti i giovani laureandi"

Concorso infermieri, Biancani: "Per poche settimane sono stati esclusi dal concorso tutti i giovani laureandi"

di Ufficio Stampa Andrea Biancani

“L’esclusione dei giovani laureandi dal concorso è l'ennesimo esempio dell’incapacità programmatoria della Regione in materia di sanità” Questo il commento del Vicepresidente del Consiglio regionale Andrea Biancani, alla notizia che circa 180 giovani infermieri che si laureeranno a fine mese sono stati esclusi dal recente concorso di assunzione, solo perché è stata fissata la scadenza per iscriversi a poche settimane prima della sessione di laurea.

“Ho letto la lettera di questi giovani infermieri, che a fine mese si laureeranno, e condivido il loro rammarico. Con un minimo di programmazione in più, la Regione avrebbe potuto posticipare la chiusura delle iscrizioni al concorso permettendo a questi giovani di partecipare. Sarebbe bastato allungare i termini di un paio di mesi, visto che le iscrizioni scadevano il 5 ottobre mentre le lauree sono a fine novembre. Una prassi consueta e adoperata anche per precedenti concorsi, come ricordato dall’Ordine degli Infermieri. Così invece i giovani marchigiani, formatisi nelle nostre università, saranno costretti a cercare lavoro nelle strutture private, in altre regioni e all’estero. Noi li formiamo e le altre Regioni li assumono. È l’ennesimo errore dovuto all’assenza di atti programmatori chiari e al colloquio costruttivo con gli operatori del settore”.

“Ad agosto, insime alla Consigliera Vitri, segnalai un altro problema relativo a questo bando, ovvero l’azzeramento della graduatoria precedente, del concorso del 2021, che ha costretto centinaia di infermieri, per la maggior parte giovani, a dover rifare un concorso pur avendone vinto uno pochi anni fa. In pratica, da un lato si è costretto chi aveva già vinto a rifare il concorso e, dall’altro, si sono esclusi i neolaureati. Errori che la politica di 30 anni fa, ma anche solo quella di 3 anni fa, non avrebbe commesso con questa leggerezza. Mi stupisco del dilettantismo di questa Giunta e mi auguro che i giovani facciano sentire la propria voce. Non si può subire in silenzio tali ingiustizie nel mondo del lavoro e della sanità. Ritengo che la Giunta regionale debba trovare una soluzione”.

“Gli infermieri sul territorio peraltro servirebbero eccome. Ad aprile, i sindacati stimavano l’assenza di almeno 200 infermieri, per non parlare del fatto che molti sono ancora precari. Ad oggi è stato avviato il concorso per l’assunzione di 47 infermieri per l’AST1 (Pesaro-Urbino), ed è stata annunciata la stabilizzazione di 86 infermieri, che già operano nelle strutture dell’AST1, tuttavia, voglio ricordare che mancano ancora all’appello, ad esempio, tutti gli infermieri di famiglia”.

“Dal 2021 la Regione ha previsto l’assunzione di 232 infermieri di famiglia, incaricati dell’assistenza domiciliare e di lavorare nelle strutture di comunità, fornendo un servizio di prossimità al cittadino importantissimo. Di questi, ben 60 sono previsti nella provincia di Pesaro e Urbino, ma ad oggi non risulta siano stati individuati, nonostante i solleciti”.

“Alla luce di tutto questo – conclude Biancani - mi auguro che la Regione, di fronte all’evidente errore commesso nei confronti dei giovani laureandi e all’esigenza di assumere nuovi infermieri, cerchi una soluzione al problema. Da parte mia, mi attiverò in Consiglio regionale per avere chiarezza su quanto avvenuto e sulle soluzioni che la Giunta vorrà mettere in campo. Il tempismo sarà essenziale e bisognerà fare presto, perché non si può immaginare che dei giovani laureati restino sul territorio aspettando per anni dei concorsi, molti guarderanno già al lavoro presso le strutture private e a concorsi fuori regione, rischiamo seriamente di disperdere energie e talenti di cui il nostro territorio ha sostenuto la formazione, solo per aver programmato male, come mai accaduto prima, le scadenze di un concorso”.

Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info