Politica

venerdì 29 maggio 2020

Ceriscioli: "Gli intellettuali contro l'ospedale Covid non capiscono la difficoltà di farli"

Ceriscioli: "Gli intellettuali contro l'ospedale Covid non capiscono la difficoltà di farli"

di Agenzia Dire

"Nelle Marche dovremo realizzare piu' o meno 80 posti letto di terapia intensiva diffusi nelle varie strutture ospedaliere". E' il riferimento fatto dal presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, nel suo intervento in Aula sulla manovra economica per fronteggiare l'emergenza Covid-19, sull'ospedale Covid di Civitanova Marche che da ieri ha iniziato ad ospitare i primi pazienti. "Il problema degli investimenti non e' la mancanza di soldi e' che ci vuole troppo tempo per farli a causa di un quadro di regole impossibili- premette Ceriscioli- E quando sento criticare il Covid di Civitanova Marche io dico che in due mesi abbiamo fatto 80 posti letto di terapia intensiva. E dovremo realizzarne degli altri in base ai fondi dati dallo Stato: questo e' quello che non hanno capito alcuni intellettuali della Magna Grecia che si sono espressi in queste settimane. Dicevano di non fare Civitanova ma di fare le terapie intensive dentro gli ospedali. Purtroppo per loro noi dobbiamo fare pure quelli. L'uno non esclude l'altro bensi' serve uno e servira' l'altro. E io sono curioso di vedere i tempi. Fondi e input ce li abbiamo gia'". Il governatore marchigiano pone l'accento, dunque, sulla difficolta' di realizzare nuovi posti letto di terapia intensiva negli ospedali esistenti e, soprattutto, sulle lentezze dovute alla burocrazia. "Chi ieri mi diceva 40 posti oggi gia' mi dice 20 perche' '40 forse non mi ci stanno'- spiega Ceriscioli- Questo per dire la facilita' di realizzare questi spazi dentro gli ospedali. Ma partira' anche quella partita perche' serve uno e serve l'altro per arrivare a 300 posti letto di terapia intensiva: 115 (dotazione iniziale) piu' 80 (ospedale Covid) piu' un altro centinaio. Cosi' si arriva a 300 circa".

Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info