Politica

giovedì 02 aprile 2020

Centrodestra pesarese: "Occorre modificare i criteri dei buoni spesa per favorire le famiglie"

Centrodestra pesarese: "Occorre modificare i criteri dei buoni spesa per favorire le famiglie"

di centrodestra Pesaro

I criteri di distribuzione dei buoni alimentari vanno cambiati. Quello approvato è un provvedimento che rischia di penalizzare le famiglie, specialmente le più numerose, e avvantaggiare gli irregolari. Abbiamo inviato un documento alla Giunta con diversi suggerimenti per chiedere cambiamenti a favore delle famiglie escluse dai criteri approvati”.   

I consiglieri di quartiere di Ascoltiamo Pesaro, assieme ai consiglieri Comunali di Lega, Prima c'è Pesaro-Fdi e Forza Italia, hanno prodotto un lungo documento che hanno inviato agli assessori Pozzi e Mengucci, contenente osservazioni sul recente provvedimento con cui il Comune di Pesaro ha disposto la distribuzione di 25.000 buoni spesa utilizzando i fondi a tale scopo erogati dal Consiglio dei Ministri e dalla Protezione civile.

“I nuclei familiari, specie i più numerosi, vengono discriminati per vari motivi. In primo luogo l’avviso al pubblico attribuisce a una persona che viva da sola buoni per un valore di 140 euro, mentre una famiglia di 5 persone, ad esempio, percepisce buoni per un valore complessivo pari ad euro 320 euro, ossia 64 euro a persona. Non si comprende perché ci possa essere una tale differenza. Un secondo elemento di discriminazione è quello legato alla soglia di sbarramento per l’accesso ai buoni. Viene, infatti, stabilito dal Comune di Pesaro, che i buoni risultino non dovuti qualora il soggetto o il nucleo familiare percepisca già forme di sostegno del reddito varie (cassa integrazione, reddito di cittadinanza o altro) per un valore pari o superiore a 600 euro. E anche qui non si distingue tra persona singola e la famiglia, ma la differenza è ben visibile: 600 euro possono essere sufficienti per un mese per una persona sola, ma molto meno per una famiglia di 4 o 5 persone. Andrebbero stabilite soglie progressive in base alla composizione dei nuclei familiari”.

 

Non è infatti solo sotto il profilo dell’iniquità del provvedimento nei confronti delle famiglie che il gruppo Ascoltiamo Pesaro e i gruppi consiliari di Lega, Prima c'è Pesaro-Fdi e Forza Italia criticano il provvedimento comunale.

“L’avviso al pubblico emanato dal Comune – commentano i consiglieri – è molto più restrittivo rispetto alle indicazioni offerte dalla Protezione Civile e alla delibera di giunta 55/2020 approvata dallo stesso Comune di Pesaro. In entrambi i provvedimenti, infatti, la platea degli aventi diritto ai buoni era assai più ampia: era previsto che i buoni potessero essere distribuiti a tutte le persone in stato di bisogno, dove la perdita del posto di lavoro o la totale assenza di reddito erano solo criteri preferenziali.  Tali criteri, da meri titoli preferenziali, sono diventati vere e proprie condizioni per ottenere i buoni, nel passaggio tra la giunta e gli uffici amministrativi del Comune andando a limitare moltissimo la platea dei beneficiari.  Il rischio di questa scelta è che si vadano a privilegiare gli irregolari e i lavoratori in nero.  Non solo, il modulo di autocertificazione predisposto è da migliorare, in quanto non prevede la possibilità di indicare la concreta situazione in cui il soggetto si trovi, ma impone la dichiarazione di una compresenza di situazioni difficili da riscontrare. Ci siamo attivati con gli assessori di competenza presentandogli una relazione e chiedendo di valutare le modifiche proposte. La Giunta ha preferito fare da sola e in fretta, senza un reale coinvolgimento di tutti. Non si tratta di un punto di principio, ma di ragionevolezza. Un coinvolgimento di più forze avrebbe permesso di evitare errori ed ingiustizie presenti nel provvedimento che, con un minimo di confronto, si sarebbero potute discutere correggere.

“Sarà difficile cambiare ora  l’avviso pubblico e i criteri di assegnazione, - concludono i Consiglieri di Quartiere Corrado Brancati e Gabriele Angelini di Ascoltiamo Pesaro, che hanno coordinato il lavoro –  ma in ogni caso ci auguriamo che il Comune assuma criteri più elastici e penalizzi di meno le famiglie qualora vi siano ulteriori risorse a disposizione per una nuova distribuzione dei buoni, dove chiederemo che vengano distribuiti tra le persone bisognose che in questa fase sono rimaste escluse dagli errati criteri imposti dal Comune di Pesaro”

 

Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info