Cultura

martedì 11 maggio 2021

"A ragionar di Dante": ciclo di incontri con cui Pesaro celebra i 700 anni dalla morte del Sommo Poeta

"A ragionar di Dante": ciclo di incontri con cui Pesaro celebra i 700 anni dalla morte del Sommo Poeta

di Ufficio Stampa Comune di Pesaro

Era già partito il 25 marzo in occasione del Dantedì, con la magnifica lectio online di Gianni D’Elia e ora viene presentato nel suo programma intero che si snoderà fino ad ottobre: si tratta del ciclo di incontri in presenza ‘A ragionar di Dante’, un’iniziativa che rientra nel programma con cui Pesaro celebra i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri. Il Divin Poeta - il suo mito (al contempo colto e popolare) e la sua multiforme, straordinaria personalità umana e artistica - con la sua opera, saranno raccontati attraverso un ricco e variegato calendario di 13 proposte di grande interesse e fascino. Alcuni dei più bei luoghi all’aperto del centro storico - le corti di Palazzo Montani Antaldi, Palazzo Mosca, Palazzo Mazzolari Mosca e Palazzo Almerici, gli Orti Giuli e il giardino della Biblioteca San Giovanni – e due incantevoli borghi appena fuori città - Fiorenzuola di Focara e Novilara - ospiteranno studiosi, lettori e musicisti che daranno vita, con i loro diversi contributi, ad un ritratto "a tutto tondo" di Dante ragionando su vari aspetti, spesso insoliti e curiosi, dell’Alighieri.

Curata da Lucia Ferrati, l’iniziativa è promossa dal Comune di Pesaro/Assessorati alla Bellezza, alla Crescita, alla Coesione e al Benessere/Quartieri, alla Sostenibilità/Borghi e Castelli - Unione dei Comuni e Presidenza del Consiglio, dall’Assemblea Legislativa delle Marche e dall’Università dell’Età Libera sotto l’egida di Pesaro Città che legge, in collaborazione con una serie di realtà del territorio unite nel nome di Dante: Amat, Aspes, Biblioteca San Giovanni, Conservatorio Statale di Musica G. Rossini, Ente Olivieri-Biblioteca e Musei Oliveriani, Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro, Fondazione Rossini, Sistema Museo, Ente Parco San Bartolo e con la partecipazione delle associazioni AnimaFemina, Almaloci, Etra entra nell’arte, Focara per Dante, L’Anfora, Le Voci dei Libri e del Liceo Scientifico Musicale Coreutico G. Marconi.

Così Daniele Vimini, vicesindaco e assessore alla Bellezza del Comune di Pesaro: ‘Ringrazio l’Università dell’Età libera, ringrazio Lucia Ferrati per la sua direzione artistica e l’Assemblea Legislativa delle Marche che ha riconosciuto immediatamente il valore ‘speciale’ di questo progetto concedendogli un contributo importante. Dante si conferma un ‘patrimonio inesauribile’ di conoscenza, spunti, idee; lo conferma anche il successo della mostra tuttora visitabile in Pescheria con le incisioni di Dalì e Rauschenberg e il lavoro di Claire Fontane, evento visitabile gratuitamente fino a 18 anni e dunque opportunità ghiotta per un approfondimento dantesco a vantaggio degli studenti in questo periodo particolarmente provati dalla Dad. Il ciclo di conferenze presentate oggi – ma in realtà sono ben più che ‘semplici’ conferenze perché le contaminazioni artistiche sono tante – credo possa essere definito come un unicum di massimo livello che spicca fra tutte le celebrazioni nazionali per i 700 anni dalla morte di Dante. C’è un valore altissimo del progetto dato dalla pluralità delle istituzioni che in modo generoso e senza protagonismi rendono possibile un programma prezioso e dalle figure della cultura coinvolte. Quindi ringrazio tutti coloro che concorrono e che insieme fanno davvero molto di più di ciò che potevamo fare in autonomia perché l’unione fa la forza.’ 

Continua Giuliana Ceccarelli, assessore alla Crescita: La molteplicità e la ricchezza di queste proposte danno l’idea di come l’analisi dell’opera di Dante venga svolta a 360° da persone competenti che hanno saputo cogliere l’essenza del percorso dantesco: e questo mi fa un grande piacere. E quindi nel mio ruolo, sicuramente mi impegnerò a diffondere il più possibile questo programma nelle scuole perché Dante con la sua potenza parla ancora ai giovanissimi di oggi e di tutti i tempi, una conferma che ho sempre quando mi confronto con le scuole medie e superiori: l’amore per Dante è davvero ancora molto forte.’ 

Mercoledì 19 maggio alle 18 nella corte di Palazzo Mosca la musicologa Maria Chiara Mazzi con Mundana, humana, instrumentalis. La musica nella Divina Commedia. La conferenza sarà accompagnata da letture di Cristian Della Chiara e, grazie alla collaborazione del Conservatorio Statale di Musica G. Rossini, da interventi musicali di Eleonora Fiorentini soprano, Lorenzo Del Bene tenore e Alessandro Caruso basso.

Tutti le conferenze sono a ingresso gratuito. Ogni iniziativa sarà realizzata nel rispetto delle procedure di legge per il contenimento della diffusione del Covid 19 previste dalla normativa vigente.

Per il programma completo e saperne di più: www.pesarocultura.it - www.unilibera.it      

 

Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info