Cultura

martedì 12 ottobre 2021

Presentata la 62° stagione dell'Ente Concerti di Pesaro, un primo cartellone di grande prestigio e novità

Presentata la 62° stagione dell'Ente Concerti di Pesaro, un primo cartellone di grande prestigio e novità

di Ufficio Stampa Ente Concerti di Pesaro

L'autunno del 2021 si apre con un raggio di sole che rischiara la vita del pubblico e degli operatori dei luoghi della cultura. Dopo venti mesi di limitazioni legate all’emergenza sanitaria, il lancio del nuovo cartellone dell’Ente musicale della Città della Musica Unesco coincide con il ritorno all’apertura al cento per cento delle sale da concerto in tutta Italia.

Dopo i successi delle scorse stagioni, tra cui spiccano i nomi di Ivo Pogorelich e dell’ensemble I Virtuosi Italiani al Rossini, di Fabrizio Bosso, Karima, Tosca, e Mattew Lee nella cornice estiva del Miralfiore, è quindi con grande felicità e ottimismo per il futuro che Ente Concerti e Comune di Pesaro presentano la prima parte della 62a stagione concertistica, con alcuni importanti novità.

Il cartellone di grande prestigio è diviso per ragioni organizzative in due periodi: la prima parte, presentata oggi, va da ottobre a dicembre e comprende cinque concerti al Teatro Sperimentale; la seconda parte, in corso di definizione, verrà annunciata nei primi giorni di dicembre.

Nella nuova sede dello Sperimentale – che sostituisce in questa stagione il tradizionale Teatro Rossini indisponibile per lavori di ristrutturazione – saranno adottati importanti accorgimenti in grado di offrire un’esperienza acustica di qualità pari a quella delle migliori sale.

Il concerto inaugurale di martedì 19 ottobre è affidato alla grandissima pianista canadese Angela Hewitt, star della scena internazionale, che proporrà un programma che prevede l’esecuzione della Suite tratta dalla raccolta clavicembalistica del Dix-huitième Ordre di François Couperin, elegante, umoristica e seducente, e la Sonata n. 3 di Mozart. A seguire verranno presentate le pagine “bachiane” di cui la Hewitt è considerata la massima interprete pianistica, che comprendono il Preludio e Fuga in la minore BWV 894, la Suite Inglese n. 4 in fa maggiore, BWV 809 e infine la Passacaglia in do minore BWV 582.

Giovedì 11 novembre al pubblico pesarese è riservata un’esperienza tanto affascinate quanto profonda con il duo BartolomeyBittmann e il loro progetto Dynamo. Autentici fuoriclasse in grado di esprimere una nuova concezione di concerto dal vivo, i due musicisti partono dal repertorio classico per oltrepassarne i confini verso la contaminazione con altri linguaggi musicali, il tutto con una forza creativa e una comunicativa inesauribili. Il progetto artistico del duo BartolomeyBittmann è considerato un autentico fenomeno musicale e i musicisti con la loro poliedricità sono in grado di mettere d’accordo le nuove generazioni e il pubblico più tradizionale. Pur suonando strumenti classici quali il violino e il violoncello, grazie all’ausilio dell’elettronica e di strumenti popolari aggiuntivi come la mandola, gli artisti si avvicinano al cuore dell’ascoltatore.

Si prosegue domenica 21 novembre con la presenza di un altro grande artista, il violoncellista Enrico Dindo. La sua carriera dal 1997, anno in cui vince il Primo premio assoluto al Concorso Rostropovich, è in continua ascesa. Sono memorabili le sue esecuzioni del repertorio per violoncello con le più grandi orchestre del mondo. Il suo amore per la musica da camera lo ha portato ad una lunga collaborazione con Monica Cattarossi. A Pesaro saranno entrambi impegnati in un repertorio ardito che comprende l’affascinante Sonata op. 8 di Ernst von Donhanyi e la celeberrima Sonata in sol minore op. 19 di Sergej Rachmaninov.

Altro atteso appuntamento sarà quello di sabato 11 dicembre con il pianista Lorenzo Bavaj in duo con il flautista Massimo Mercelli, entrambi pesaresi di adozione. Un duo attivo da circa trenta anni, che vanta successi e riconoscimenti internazionali, in cui i musicisti hanno raggiunto un livello di affiatamento davvero straordinario. Il programma proposto è esaltante e affianca pagine celeberrime del repertorio flautistico, come la Sonata di Francis Poulenc, a composizioni di grandi autori contemporanei, come nel caso dei 2 Pieces che Michel Nyman ha dedicato a Massimo Mercelli.

L’ultimo appuntamento del 2021 è quello che consacra la presenza a Pesaro di un violinista che ha fatto storia, Vadim Brodski. Discendente di Adolph Brodski, famoso per essere stato il primo esecutore del Concerto di Tchaikovsky, Vadim esordì a 11 anni come solista con la Kiev Philharmonic eseguendo il Concerto per violino di Kabalevsky sotto la direzione dello stesso compositore. Le tappe incredibili della sua carriera comprendono primi premi ai più grandi concorsi internazionali, tra cui il Paganini e il Winiawsky. Vadim Brodski è uno dei pochi violinisti al mondo a cui è concesso l’onore di suonare il Guarnieri del Gesù appartenuto a Nicolò Paganini. A Pesaro, in duo con Bartłomiej Wezner, presenterà pagine meravigliose di Brahms, Kreisler, Saint-Saens e la Sonata Primavera di Beethoven. Vadim Brodski condividerà il palcoscenico con la figlia Margherita, flautista giovanissima e di notevole talento, che per l’occasione eseguirà due brevi composizioni di Mercadante e Morlacchi.

A fianco della stagione concertistica pesarese, l’Ente presenta una rilevante offerta di concerti sinfonici organizzati all’interno del network regionale Marche Concerti in collaborazione con la FORM – Filarmonica Marchigiana. Sul palco del Teatro La Fenice di Senigallia sono in programma l’integrale dei Concerti per pianoforte e orchestra di Brahms con i solisti Benedetto Lupo (domenica 17 ottobre, direttore Alessandro Bonato) e Nelsson Goerner (domenica 19 dicembre, direttore Manlio Benzi), più un concerto con il violinista Stefan Milenkovich (domenica 31 ottobre) nel doppio ruolo di direttore e solista della compagine marchigiana. Agli abbonati della stagione concertistica pesarese è garantito un accesso riservato con un biglietto di cortesia.


Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info