Cultura

mercoledì 19 agosto 2020

L'estate fanese dell'Orchestra Sinfonica Rossini è stata un successo: sold out in tutti gli appuntamenti

L'estate fanese dell'Orchestra Sinfonica Rossini è stata un successo: sold out in tutti gli appuntamenti

di Ufficio Stampa

Quando manca ancora un appuntamento, in programma sabato prossimo, 22 agosto all’Eremo di Monte Giove, per l’Orchestra Sinfonica Rossini è già tempo di fare un primo bilancio sull’estate fanese. Le rassegne Symphony Pop Festival alla Rocca Maltestiana e Tracce all’Eremo di Monte Giove che prevedevano un totale di 7 spettacoli hanno fatto centro.

Tanti consensi riscossi e una grande affluenza di pubblico registrata - 6 sold out (anche il 22 è già tutto esaurito) su 7 appuntamenti programmati.

Le iniziative hanno incontrato il sostegno intellettuale ed economico di tanti sia nel pubblico che nel privato, fra conferme degli storici e nuovi sostenitori, con tanto di aumento inaspettato del contributo di un sostenitore storico, un piccolo segno che testimonia la credibilità raggiunta dalle due rassegne. Un ringraziamento quindi al Comune di Fano nella persona di Caterina Del Bianco, Assessore alla Cultura, che apprezzando il livello degli spettacoli ha ricordato l'importanza sociale dell'orchestra, un’istituzione che offre opportunità lavorative agli artisti professionisti del nostro territorio. Grazie inoltre alle note realtà imprenditoriali del territorio quali Banca di Credito Cooperativo di Fano, Enereco spa, Azimut Capital Management sgr. Importanti gli ingressi di Rotary Club Fano e Record Data srl. A chiudere l’elenco dei sostenitori la Regione Marche ed il Ministero per i Beni e le Attività Culturali – MIBACT che sono accanto all’OSR per l’intera attività annuale.

L’estate si è aperta con BOB MARLEY Inno alla Gioia. Ed è stato veramente un “Inno alla Gioia” nel titolo e nei fatti. Dopo mesi, chiusi in casa, un concerto dal vivo ha avuto il significato di un vero ritorno ad una vita piena. Un inno alla gioia per tutti. Pubblico ed artisti. In scaletta tutti i più celebri brani di Bob Marley eseguiti per l’occasione da Mitchell Brunings, cantante olandese rivelazione del programma The Voice, primo artista straniero ad esibirsi a Fano dopo il lockdown. E sempre nella stessa serata due composizioni di Beethoven rielaborate per l’occasione da Roberto Molinelli in chiave moderna perché proprio nello spirito del festival che vuole essere un luogo di incontro, contaminazione e, perché no, fusione tra musica classica e musica pop, si è voluto accostare Marley, la cui produzione è stata fortemente dedicata alla lotta contro l’oppressione politica e razziale, a Beethoven, simbolo da sempre della fratellanza universale. Un obiettivo ovviamente sfidante reso possibile dalla versatilità dei professori d’orchestra della Rossini e dalla maestria negli arrangiamenti di Roberto Molinelli, capace di far coesistere qualsiasi linguaggio musicale utilizzato dai compositori.

Sfida vinta anche per il secondo appuntamento alla Rocca. In un’estate in cui si diceva che non si sarebbe riusciti a proporre l’opera, LA BOHÈME smart ha fatto centro. La celebre opera di Puccini proposta in tutte le sue parti ma in versione agile ancora una volta grazie ai sapienti arrangiamenti di Roberto Molinelli ha messo d’accordo melomani e neofiti dell’opera lirica, consentendo agli amanti dell’opera di poter apprezzare una delle più amate composizioni di Puccini e dall’altro ha fatto scoprire a qualcuno la bellezza senza tempo di questa composizione. Confermato il talento della fanese Isabella Orazietti, interprete di una splendida Mimì, che ha emozionato il pubblico presente.

A chiudere il festival, MAMMA MIA, una vera e propria festa della musica sulle note degli Abba. Una serata di puro divertimento con Clarissa Vichi e Valentina Ariemma, due talenti del territorio, ad intonare i successi dello storico gruppo svedese da oltre 400 milioni di dischi venduti in tutto il mondo.

In sintesi tre appuntamenti di grande successo che hanno aperto la programmazione estiva coniugando divertimento, qualità artistica e grande musica.

Degno di nota e meritevole di una riflessione a parte il successo di Tracce, la rassegna concertistica all’Eremo di Monte Giove che ha fatto registrare un piccolo “miracolo”. Quattro sold out su quattro. In calendario LUDWIG VAN BEETHOVEN - 250° anniversario, LA TRAVIATA smart, IL BARBIERE DI SIVIGLIA smart e JOHANN SEBASTIAN BACH - La grande musica con un po’ d’ironia. Un risultato che è andato ben al di là delle più rosee aspettative. Una piccola rassegna che negli anni è cresciuta arrivando ai numeri di quella odierna. Dallo scorso anno ad oggi il numero degli spettatori è duplicato facendo segnare una straordinaria partecipazione di pubblico di tutte le età, anche da fuori provincia e regione. Complici sicuramente di questo successo l’ambientazione suggestiva, un’acustica eccellente anche all’aperto e programmi accattivanti e di grande livello.


Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info