Cultura

lunedì 16 dicembre 2019

E se fosse troppo tardi?

E se fosse troppo tardi?

di Luca Petinari

Un uomo che si affaccia alla ringhiera che da Piazzale della Libertà porta al molo piccolo, apparentemene quieto e con il corpo leggermente piegato in avanti, il peso che spinge sulle braccia e si appoggia su una gamba. Il totale relax di chi si gode una giornata pesarese a cielo aperto e in fronte al mare.

Poco lontano da lui, all'orizzonte, in mezzo all'acqua, un'esplosione, il cui impatto ha provocato quello che sembra ricordare il fungo atomico di ben nota memoria. Un contrasto fortissimo, tra un cataclisma imminente e l'indifferenza di chi, passivamente, osserva. A descrivere questa scena, in didascalia (caption, diremmo oggi nel mondo dei social), la frase: facciamo qualcosa prima che sia troppo tardi.

Quest'opera grafica era stata realizzata da Massimo Dolcini in occasione della Camminata della Pace organizzata a Pesaro il 17 febbraio 1980. Sono passati quasi quarantanni da quel campanello d'allarme che, a rivederlo oggi, sembra più attuale che mai. Ma al posto di quella disascalia, che era uno sprono a fare qualcosa, oggi forse sarebbe più giusto chiedersi: e se fosse troppo tardi?

Quest'opera fa parte del percorso espositivo della mostra 'Il diritto di essere deboli. Massimo Dolcini a Parigi nel 1989 per i diritti dell'uomo', inaugurata venerdì 13 dicembre, a Palazzo Mosca - Musei Civici.

Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info