Cultura

lunedì 11 dicembre 2023

Dopo più di un mese dall'uscita, "C'è ancora domani" di Paola Cortellesi continua a dominare al cinema

Dopo più di un mese dall'uscita, "C'è ancora domani" di Paola Cortellesi continua a dominare al cinema

di Repubblica

A sei settimane dall’uscita Paola Cortellesi è ancora la regina del box office. 

Nonostante le nuove uscite C’è ancora domani rimane saldo in prima posizione dove è rimasto dal 26 ottobre, giorno del debutto. 

Un fenomeno incredibile che continua a stupire mentre il film veleggia verso i 30 milioni di euro.

Più precisamente il film è arrivato con gli incassi di questo weekend 29.545.179 euro con 4 milioni e trecentomila spettatori, secondo nel box office è Napoleon di Ridley Scott con Joaquin Phoenix (7.103.687 di euro in tutto), mentre il terzo è il film d’animazione Prendi il volo (1.666.320).

Inoltre il film con la regista, Valerio Mastandrea, Emanuela Fanelli, Giorgio Colangeli, Vinicio Marchioni sta scalando la classifica dei film italiani che hanno incassato di più nella storia del Cinetel (cioè dal ‘95 in poi). Se la scorsa settimana era decimo, prima regista donna a entrare nella top ten questa settimana è addirittura settima, lasciando indietro tre campioni di incassi come Chiedimi se sono felice, Natale sul Nilo e Il ciclone.  

di Rai News

ll "caso Cortellesi" approda sul New Tork Times

ll "caso Cortellesi" approda sul New Tork Times. Dopo aver sfondato il tetto dei 27 milioni al botteghino, entrando nella top ten dei film italiani con maggiore incasso di sempre, e dopo aver acceso il dibattito sulla violenza domestica e sui diritti delle donne, “C'è ancora domani”, l'esordio alla regia dell'attrice, è al centro di un articolo in cui il quotidiano ne analizza il successo.

"Certamente sono sorpresa", commenta Paola Cortellesi, pur aggiungendo: "È una buon film, e sono soddisfatta del mio lavoro", spiega l'attrice e regista, convinta che la popolarità del film sia legata all'"aver toccato un nervo scoperto del Paese".

C'è ancora domani, che - scrive il New York  - riesce ad essere allo stesso tempo straziante ed edificante - è arrivato in un momento in cui la violenza domestica, il femminicidio e i diritti delle donne hanno dominato il dibattito pubblico nei giorni dell'omicidio di Giulia Cecchettin, anche se la vicenda è ambientata nel 1946, in una Roma ancora alle prese con la povertà e le conseguenze della seconda guerra mondiale. "Ho voluto realizzare un film contemporaneo ambientato nel passato, perché penso che purtroppo molte cose siano rimaste le stesse", spiega ancora Cortellesi. "Naturalmente ci sono stati dei progressi, sono cambiati i diritti, sono cambiate le leggi, ma non del tutto, non nella mentalità".

Nell'articolo Chiara Tognolotti, docente di Storia del cinema italiano all'università di Pisa, osserva che Cortellesi si riallaccia alla tradizione del cinema italiano che ritrae "donne che cercano di cambiare la loro esistenza, di ribaltare la tipica sceneggiatura alla quale una donna dovrebbe attenersi". Il film esplora la tensione tra la "struttura patriarcale su cui si basa la società italiana" e il desiderio di riconoscere l'importanza del ruolo sociale delle donne, "che di fatto già esiste", ma non è sempre riconosciuta, spiega Tognolotti.


 

Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info