Cultura

lunedì 25 maggio 2020

Appuntamento solo virtuale quest'anno per il festival Fuoriclasse, dal 26 maggio on line il sito

Appuntamento solo virtuale quest'anno per il festival Fuoriclasse, dal 26 maggio on line il sito

di Ufficio Stampa

Quest’anno Fuoriclasse non potrà avere luogo. Il festival di fine maggio ideato e promosso da Teatro Linguaggi in partnership con assessorato alla cultura del Comune di Fano e Fondazione Teatro della Fortuna, dedicato al teatro della scuola, che porta in scena alunni di ogni ordine e grado del nostro territorio, con progetti teatrali realizzati con esperti ed insegnanti durante l’anno scolastico, si sarebbe dovuto svolgere al Teatro della Fortuna dal 26 al 29 maggio.
L’idea è stata allora di creare un evento ad hoc, per mantenere viva l’attenzione, un evento virtuale, anzi, social: sarà inaugurato proprio il 26 maggio il sito FestivalFuoriclasse che raccoglierà la storia del festival con tutti i programmi e gli spettacoli delle venti edizioni, e poiché in questo lungo cammino sono stati migliaia i ragazzi, ora anche adulti, che hanno partecipato da protagonisti, gli organizzatori hanno pensato di creare uno spazio dedicato proprio a loro: ‘io c’ero’, sarà pagina dove tutti coloro che hanno preso parte al festival, ragazzi, insegnanti, esperti coinvolti nei vari progetti, potranno lasciare il loro ricordo con immagini, siano esse di backstage o legate alla loro partecipazione.

«Anche questa edizione, la ventesima, avrebbe ospitato nelle sue quattro giornate ben undici lavori, portando così, in scena oltre 200 ragazzi e bambini. Ma a differenza di altre manifestazioni che possono pensare a edizioni ridotte o rimodulate, la natura del nostro festival non lo permette. - spiega il direttore artistico Fabrizio Bartolucci - L’emergenza Covid e le restrizioni dovute alla pandemia hanno purtroppo colpito al cuore il teatro e con esso i progetti e l’attività di quello che viene definito teatro ‘sociale’, palestra di vita e di creatività. La sospensione dell’attività scolastica ha reso impossibile la continuazione dei laboratori di pedagogia teatrale che da anni caratterizzano l’attività formativa di numerose scuole di Fano. La pratica teatrale, per la sua natura di arte sociale, non è potuta continuare. Un vero dispiacere, poiché Fuoriclasse è divenuto un appuntamento fisso per “la città dei bambini e dei ragazzi”, un’importante occasione pedagogica, la dimostrazione “aperta” di un lavoro di formazione prezioso che ogni bambino, ogni ragazzo compie attraverso il teatro, nella complessa costruzione della propria personalità. Un lavoro che merita, sempre, un grande rispetto».
E accanto al dispiacere c’è anche la viva preoccupazione per come potrà continuare e riprendere la formazione teatrale nell’ambito scolastico e per il notevole danno economico conseguente alla sospensione dei progetti: «I professionisti teatrali coinvolti come esperti e coordinatori del festival, improvvisamente si sono trovati impossibilitati a svolgere il loro lavoro, lavoro che non potrà essere recuperato. -prosegue Bartolucci - Un danno rilevante. Questo è un momento di forte crisi per lo spettacolo dal vivo e richiederà uno sforzo notevole da parte degli operatori nella riprogettazione di percorsi e proposte, ma anche un grado di un’attenzione particolare e un sostegno da parte degli Enti preposti ai progetti, che possa favorire la creazione di spazi e occasioni per i professionisti del territorio».

Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info