Cronaca

sabato 26 giugno 2021

Pesaro, suicidio sventato dalle forze dell'ordine: aveva chiesto aiuto a un amico per farla finita

Pesaro, suicidio sventato dalle forze dell'ordine: aveva chiesto aiuto a un amico per farla finita

Aveva deciso di farla finita e aveva chiesto “aiuto” a un suo caro amico di Forlì perché non riusciva a fare il nodo alla corda per porre fine al suo male di vivere. 

L’uomo sconvolto dall’sms che le era arrivato, contattava immediatamente la questura di Forlì, riferendo ogni dettaglio utile per soccorrere la donna. 

La questura di Forlì allertava la Sala Operativa di Pesaro, che attivava prontamente tutti i protocolli previsti per queste situazioni. 

La volante giunta all’abitazione ove si presumeva potesse accadere l’evento suicidiario, non ricevendo risposta al campanello decideva ancor prima dell’arrivo della scala dei VVFF di approfittare di una serranda semichiusa e sebbene al 1º piano riusciva ad accedere nella casa, non trovando nessuno. 

Nel frattempo la Sala operativa, provvedeva a reperire ogni informazione utile e fare positioning del cellulare in uso alla donna. 

Si provava a chiamare ripetutamente e dopo vari tentativi la donna rispondeva all’operatore del 113. La signora in palese stato confusionale, più volte ripeteva di essere stanca e di volerla fare finita. 

L’operatore entrava in empatia con la signora, riuscendo a farsi dire anche dove fosse. La donna che durante la chiamata, continuava a ripetere di volerla far finita, veniva convinta a fermarsi in strada per non distrarsi con il cellulare alla guida. Questo permetteva all’altro operatore di localizzare la posizione della donna e guidare i colleghi della volante sul posto ove il segnale gps dava le coordinate.

Il grande lavoro di squadra permetteva di rintracciare la donna in una zona isolata alle porte della città, che era ancora al telefono con l’operatore del 113. 

Sul posto veniva inviato anche personale sanitario per le cure del caso, un intenso lavoro di squadra tra questure e sensibilità dei cittadini permetteva di evitare una tragedia.

(immagine di repertorio)

Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info