Cronaca

martedì 17 ottobre 2023

Greta Thunberg è stata arrestata dalla polizia britannica

Greta Thunberg è stata arrestata dalla polizia britannica

di Il Fatto Quotidiano

Greta Thunberg è stata arrestata dalla polizia britannica durante una protesta di ambientalisti contro un forum di colossi del petrolio denominati “gli Oscar dell’industria petrolifera”. La giovane svedese, che ha influenzato migliaia di ragazzi sulla lotta al cambiamento climatico, si trovava insieme a un centinaio di manifestanti di fronte all’Intercontinental Park Lane, l’hotel a 5 stelle che ospiterà la tre giorni dei magnati dell’oro nero e diversi ufficiali governativi.

A soli pochi mesi dal suo ultimo arresto, avvenuto a Malmoe, cittadina della Svezia meridionale, per avere partecipato a un presidio di blocco per cinque navi petrolifere, diversi video condivisi sui social mostrano Thunberg trascinata sorridente nel retro di un van dagli agenti della polizia metropolitana londinese. La polizia ha reso noto anche di aver fermato altre cinque persone per aver bloccato l’autostrada. Durante il sit-in la ventenne aveva dichiarato ai giornalisti presenti: “Dietro a queste porte chiuse, alla conferenza su petrolio e denaro, ci sono politici senza spina dorsale che stanno facendo accordi e compromessi con lobbisti di industrie distruttive, quelli dell’industria fossile”. Thunberg ha ha poi ricordato che “milioni di persone in tutto il mondo muoiono e stanno soffrendo le conseguenze della crisi climatica causata da queste industrie, a cui consentiamo di avere accesso privilegiato nel parlare con i nostri politici”. Tra i relatori presenti alla conferenza anche gli amministratori delegati del gruppo Aramco dell’Arabia Saudita e la Equinor norvegese, oltre al ministro della Sicurezza energetica del Regno Unito.

Si tratta del secondo arresto per Thunberg dopo quello dello scorso giugno, mentre la giovane è stata trattenuta dalla polizia in diverse occasioni, da ultimo lo scorso 12 ottobreOslo, durante una protesta al fianco degli indigeni pastori di renne norvegesi il cui stile di vita a detta dei manifestanti è stato danneggiato dalla presenza di grandi turbine eoliche. A suo carico ci sono due condanne per disobbedienza a pubblico ufficiale per fatti risalenti a luglio 2023.

Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info