Cronaca

domenica 25 ottobre 2020

Frega (Silp-Cgil) sul nuovo dpcm: "Interdetti su come l’ordine pubblico possa rimanere stabile"

Frega (Silp-Cgil) sul nuovo dpcm: "Interdetti su come l’ordine pubblico possa rimanere stabile"

di Pierpaolo Frega, segretario provinciale Silp-Cgil

Alla luce del nuovo dpcm rimaniamo interdetti su come la situazione dell’ordine pubblico possa rimanere stabile. 

Non siamo nè virologi nè negazionisti, siamo solo persone deputate a far rispettare la legge. 

Gli episodi di Napoli, di Livorno, di Roma sono un pericoloso  campanello d’allarme che mette donne e uomini della Polizia di Stato e delle altre FF.OO in grande difficoltà. Ci rendiamo conto delle problematiche e delle preoccupazioni della popolazione, molti privati esercenti, ristoratori, partite iva possono essere nostri parenti, nostri familiari. Ma la nostra condizione il nostro ruolo ci obbliga ad essere interfaccia tra lo stato e la società civile. Le violenze che sono state perpetrate ai danni delle forze dell’ordine non devono trovare assolutamente alcuna giustificazione, ma proprio per questo vorremmo lanciare un ponte di pacificazione: siamo consapevoli delle difficoltà del periodo in questione, ma vogliamo che sia chiara una questione: non dobbiamo essere noi l’obiettivo della rabbia e dello sfogo delle persone. 

In queste ore confuse e dettate più dalla rabbia che dal buon senso leggiamo di manifestazioni, di disobbedienza civile, di ripresa della “libertà personale”, questi eventi chiameranno la Polizia ad un servizio emergenziale e straordinario. Ecco, non individuate in noi lo sfogo e la rabbia repressa, noi siamo e saremo sempre i garanti della legge e della democrazia, parafrasando Pasolini I poliziotti sono figli della società, dei lavoratori, sono lavoratori. 

Aiutiamoci insieme a superare questo momento, scontri sociali sono solo dannosi e forieri di altra rabbia e di divisioni. Di tutto questo nessuno di noi oggi, sebbene disorientati, spaventati e arrabbiati, ne ha bisogno. 

Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info