Cronaca

venerdì 03 luglio 2020

Espropri A14: la Cassazione condanna Autostrade per l’Italia spa

Espropri A14: la Cassazione condanna Autostrade per l’Italia spa

di Avv. Corrado Brancati - Presidente dell’Unione Nazionale Tutela Espropriati

Con piacere L’unione Nazionale Tutela Espropriati, in persona del suo presidente avv. Corrado Brancati (sotto in foto), comunica che la Corte di Cassazione recentemente ha accolto 2 ricorsi presentati da proprietari di beni siti in Comune di Pesaro e tutelati dall’avv. Corrado Brancati relativi agli espropri per la realizzazione della terza corsia dell’Autostrada A14, condannando Autostrade per l’Italia al pagamento di indennità di esproprio assai importanti.

“La vicenda trae origine nel 2008 dagli espropri per la terza corsia dell’A14” – racconta l’avv. Corrado Brancati. “I terreni interessati erano edificabili secondo quanto indicato dal Piano Regolatore del Comune di Pesaro. Essendo tuttavia confinanti con l’Autostrada A 14 rientravano ovviamente all’interno della fascia di rispetto stradale. In ragione di ciò Autostrade aveva proposto un pagamento ad un valore meramente agricolo. Abbiamo quindi fatto ricorso in Corte di Appello di Ancona. La corte anconetana, tuttavia, aveva riconosciuto solo parzialmente le nostre ragioni e per tale motivo abbiamo fatto ricorso in Corte di Cassazione.

Ora la Suprema Corte, finalmente, riconosce il giusto diritto dei proprietari ad essere risarciti per la perdita economica subita a causa dell’esproprio ed i beni espropriati potranno essere pagati secondo il loro reale valore di mercato. 

La differenza non è certo poca cosa. Autostrade originariamente aveva offerto 3800 euro in un caso e 52.000 euro nell’altro. Ora, pur se l’esatta determinazione dovrà essere effettuata dalla Corte di Appello di Ancona, indicativamente si parlerà di valori di 150.000 euro in un caso e di circa 450-500.000 euro nell’altro.

Una battaglia assai importante quella svolta in questi anni, non solo ovviamente per i proprietari, ma anche perché queste sentenze della Corte di Cassazione potranno ora fungere da precedente nei tanti contenziosi che l’Associazione segue per i propritari espropriati in tutta Italia”




Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info