Cronaca

venerdì 25 agosto 2023

Donald Trump si è consegnato alle autorità della Georgia, la foto segnaletica è già nella storia

Donald Trump si è consegnato alle autorità della Georgia, la foto segnaletica è già nella storia

di Tgcoma 24

Donald Trump si è consegnato alle autorità della Georgia, nel famigerato carcere di Atlanta, ed è stato formalmente arrestato per 13 capi di imputazione, tra cui cospirazione e violazione della legge anti racket, nel procedimento che lo vede imputato per aver tentato di sovvertire il voto in Georgia nel 2020.

E' stato schedato, poi rilasciato. Per lui si tratta della quarta incriminazione con altrettanti arresti, ma in questo caso per lui sono scattati anche, per la prima volta, la foto segnaletica e il rilevamento delle impronte digitali, come un criminale comune. Trump ha evitato la cella grazie a una cauzione da 200mila dollari e a divieti severi di parlare con testi e co-imputati o di minacciarli, anche via social. Nessuno sconto però sulla prassi dell'arresto, neppure su quella foto segnaletica col timbro dell'ufficio dello sceriffo che macchia l'immagine di chiunque. L'immagine è stata poi rilanciata dallo stesso tycoon su X, social sul quale non postava dall'8 gennaio 2021, con la scritta: "Mai arrendersi". Elon Musk ritwitta il post dell'ex presidente: "Livello superiore".

Quella foto tra martirio e gadget elettorale

Un passaggio che il tycoon intende vantare con orgoglio trasformando la foto in icona del suo martirio politico-giudiziario e in gadget elettorale (il primo saranno le t-shirt). Nella foto segnaletica (foto) viene descritto alto un metro e 90 per 97 chili, con occhi blu e capelli "biondi o fragola". Un'onta, quella della foto segnaletica, riservata a tutti gli altri 18 imputati, compreso il suo ex avvocato Rudy Giuliani, un tempo famoso procuratore anti mafia e 'sindaco d'America' per la leadership dimostrata dopo gli attacchi alle Torri Gemelle, ora alla sbarra e al verde, anche se non ha voluto rivelare chi ha pagato la sua cauzione da 150mila dollari e il jet privato con cui è arrivato.

Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info