Cronaca

martedì 26 gennaio 2021

Discarica di Ca' Lucio, il Consiglio di Stato dichiara inammissibile il ricorso dei residenti

Discarica di Ca' Lucio, il Consiglio di Stato dichiara inammissibile il ricorso dei residenti

di Ufficio Stampa Provincia / Giovanna Renzini

Il Consiglio di Stato, con sentenza n. 785/2021  pubblicata in data odierna, ha dichiarato “inammissibile” il “ricorso per ottemperanza” presentato da alcuni residenti nella zona della discarica di Ca’ Lucio, condannandoli al pagamento delle spese legali nei confronti della Provincia di Pesaro e Urbino, dell’Assemblea territoriale d’ambito (Ata) Rifiuti, dei Comuni di Urbino e Urbania, dell’Unione Montana Alta Valle del Metauro e di Marche Multiservizi spa.

I ricorrenti lamentavano la non ottemperanza della Provincia di Pesaro e Urbino alla precedente sentenza del Consiglio di Stato del 29 novembre 2018, che aveva annullato la delibera della giunta provinciale del 2013 con cui veniva autorizzato il gestore Marche Multiservizi spa all’ampliamento della discarica per rifiuti non pericolosi di Ca’ Lucio di Urbino. Nella medesima sentenza del 2018, il Consiglio di Stato aveva indicato le linee guida da percorrere nel caso in cui si fosse dato nuovamente seguito all’istanza di ampliamento della discarica, mediante rilascio di autorizzazione. Da qui la presentazione di un nuovo progetto da parte di Marche Multiservizi Spa, a cui la Provincia ha rilasciato autorizzazione VIA e AIA, che ha superato positivamente il vaglio del Consiglio di Stato.

“La sentenza – evidenzia con soddisfazione il presidente della Provincia Giuseppe Paolini – ha confermato il giusto operato dell’Amministrazione provinciale e la professionalità dei nostri uffici in campo ambientale, materia particolarmente complessa dal punto di vista tecnico e normativo. Ringrazio l’avvocato del nostro Ufficio Legale Maria Beatrice Riminucci che in questi anni ha seguito la vicenda giudiziaria. Voglio solo aggiungere che tante polemiche sterili potevano essere evitate, sono servite solo a creare incertezza e preoccupazione tra la popolazione”.

Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info