Cronaca

giovedì 12 novembre 2020

Almeno 124 famiglie pesaresi sono entrate in povertà estrema dopo il periodo di lockdown

Almeno 124 famiglie pesaresi sono entrate in povertà estrema dopo il periodo di lockdown

di Ufficio Stampa

I primi mesi del 2020 hanno messo a dura prova la nostra Diocesi; la pandemia ha aumentato a dismisura la fragilità della nostra Comunità e la tenuta socio-economica del nostro tessuto sociale. 

Nel mese di Maggio Caritas Pesaro ha messo a disposizione euro 100.000 per contrastare immediatamente le prime situazioni di grave condizione economica provocate dal lockdown; creando un Fondo Emergenza Lavoro da distribuire alle famiglie che si sono trovate in gravissime difficoltà. 

Oltre a mettere in campo questa importante cifra, Caritas ha lanciato un appello alle Istituzioni, Associazioni e all’intera Comunità per contribuire al Fondo e incontrare le nuove fragilità della nostra Diocesi. 

La prima realtà che ha risposto a questa importante chiamata è stata l’Arcidiocesi di Pesaro che ha messo a disposizione del progetto €40.000; subito dopo è arrivata la risposta anche di altre realtà del nostro territorio, fino ad arrivare alla cifra complessiva di €195.824, tutto questo in soli 60 giorni.

I beneficiari del progetto sono state 300 famiglie, per un totale di 1.183 persone, con un dato drammaticamente evidente: il 41,3%  dei beneficiari non si era mai rivolto a Caritas. Questo significa che almeno 124 famiglie nella nostra Diocesi sono entrate in povertà estrema dopo il periodo di lockdown.

Le esigenze più grandi che abbiamo incontrato sono legate ad un accentuarsi della problematica del disagio abitativo, che Caritas Pesaro aveva messo in luce anche nel periodo pre-pandemia: il 66,3% degli interventi economici, pari a € 120.320, è stato destinato come contributo alle persone per pagare affitti e utenze. 

Inoltre, sono stati erogati contributi per€ 44.471 sotto forma di tessere prepagate da spendere in supermercati cittadini, come aiuto alle famiglie per acquisti di generi alimentari e altri beni di prima necessità.

Sebbene ad oggi il Fondo Emergenza Lavoro si possa considerare concluso, Caritas ha deciso di rilanciare l’iniziativa, utilizzando i fondi ancora disponibili ed implementandoli, per finanziare almeno 5 tirocini di reinserimento lavorativo della durata di 6 mesi, con una retribuzione di €500 al mese, per alcune delle persone conosciute in questo periodo, pronte per una nuova scommessa lavorativa. Proprio per questo si invitano le Aziende del territorio interessate ad ospitare questi progetti di ripartenza a contattare gli uffici di Caritas al numero 0721/64613.

Questa iniziativa ci ha restituito l’immagine di tante famiglie che vivono mese dopo mese in una situazione di grave precarietà sociale; famiglie per le quali basta un evento sfavorevole per impedir loro a far quadrare i conti a fine mese, famiglie che in questo momento di totale disorientamento hanno potuto vedere una luce di speranza, anche se piccola, grazie a questo progetto.

Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info