Attualità

lunedì 08 febbraio 2021

A un anno dall'arresto, il Comune di Pesaro chiede la cittadinanza italiana onoraria per Patrick Zaki

A un anno dall'arresto, il Comune di Pesaro chiede la cittadinanza italiana onoraria per Patrick Zaki

di Ufficio Stampa

Pesaro si unisce alle manifestazioni internazionali per chiedere la liberazione di Patrick George Zaki, 28 anni, attivista e studente dell’Università di Bologna, arrestato e detenuto in condizioni estreme in Egitto. Nel pomeriggio si è svolta la “foto-azione” organizzata da Amnesty International con il patrocinio del Comune, davanti al murale di gesso realizzato al San Domenico.

«Servono risposte ora, perché non possiamo permetterci un nuovo caso Regeni» ha detto Marco Perugini, presidente del Consiglio comunale durante la manifestazione, aggiungendo che l’Amministrazione «esprime solidarietà, sostegno e vicinanza alla famiglia e alle Università di Bologna e Granada e chiede al Governo Italiano di impegnarsi in tutte le sedi istituzionali opportune affinché si attivino per il rilascio di Zaki».

Per questo, il presidente del Consiglio comunale si farà promotore di un’iniziativa consiliare con cui chiederà al Governo di conferire la cittadinanza onoraria italiana a Patrick Zaki.

Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info