Attualità

lunedì 11 gennaio 2021

«Riaprire si può. Va pensata subito una strategia nazionale», dice Matteo Ricci sulle scuole

«Riaprire si può. Va pensata subito una strategia nazionale», dice Matteo Ricci sulle scuole

di Ufficio Stampa

«Le Regioni non possono andare ognuno per conto proprio su un tema così importante. Oggi tre regioni italiane, Toscana, Abruzzo e Valle D’Aosta, hanno riaperto le scuole, va pensata subito una strategia nazionale, non è possibile che ogni regione vada per conto proprio. Per il rientro a scuola al 50% in presenza va fissata una data». Il sindaco di Pesaro Matteo Ricci interviene al TgR Marche, sulla riapertura in sicurezza delle scuole, rilanciando la proposta dello screening con tamponi veloci a studenti e personale scolastico delle scuole superiori. 

L’operazione “scuole sicure”. «Utilizzare i tamponi rimasti dallo screening di massa dello scorso dicembre, per controllare studenti e personale sanitario e poter tornare ad una didattica in presenza, in sicurezza». Un’operazione che a Pesaro permetterà di “controllare” circa 9mila persone, «le Marche hanno una potenzialità in più, grazie alla bella operazione fatta prima di Natale».  

Costi e organizzazione. «L’Amministrazione è pronta investire 30/40 mila euro per pagare il personale extra necessario per lo screening studentesco delle scuole superiori della nostra città, qualora gli operatori sanitari regionali non fossero disponibili per altri impegni. Abbiamo già un elenco di medici e infermieri disponibili».  

I tempi. «In pochi giorni siamo in grado di partire – assicura Ricci -. Ma occorre che tutta l’Italia si organizzi in questo senso. Se lo fanno Toscana, Lazio, perché non si possono organizzare così tutte le altre regioni italiane? Ovviamente occorre prudenza perché dobbiamo tenere sotto controllo il virus, ma non ha senso che ogni regione sulla scuola vada per conto proprio, a maggior ragione quando ci sono gli strumenti per farlo in sicurezza». 

Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info