Attualità

sabato 18 aprile 2020

In crisi l'autotrasporto marchigiano: Nella prima quindicina di aprile fermo l'80% delle imprese e dei veicoli marchigiani

In crisi l'autotrasporto marchigiano: Nella prima quindicina di aprile fermo l'80% delle imprese e dei veicoli marchigiani

“Sta diventando insostenibile il trasporto delle merci, anche di quelle essenziali. L’autotrasporto è al collasso”.  Questo il grido di allarme che il Presidente di Confartigianato Trasporti Marche Elvio Marzocchi lancia al Governo, raccogliendo le centinaia di segnalazioni provenienti dalle imprese associate da diverse parti della regione Marche, da cui i trasporti delle merci sono divenuti insostenibili.          

Da un lato la crisi di liquidità nelle casse aziendali dovuta alla mancanza dei pagamenti da parte dei committenti, dall’altra l’aumento dei costi e l’impossibilità di bilanciare le perdite con i viaggi di ritorno stanno di fatto comportando il collasso del settore.  Fino ad oggi l’autotrasporto, che l’emergenza dovuta al Covid-9 ha fatto finalmente percepire come essenziale per la vita di tutti i giorni dei cittadini, ha garantito la mobilità delle merci assicurando la continuità logistica al Paese.    Ma le criticità sono tante e, afferma Gilberto Gasparoni Segretario Confartigianato Trasporti Marche, nella seconda quindicina di marzo l'autotrasporto ha perso il 60% del fatturato e nella prima quindicina di aprile l'80%, dato che solo il settore alimentare , sanitario e quello dei rifiuti urbani lavora; per certi versi, non è più conveniente far viaggiare i camion perché le imprese stanno lavorando in perdita con viaggi di ritorno a vuoto, dovendo però sostenere costi fissi, pagare carburante e assicurazioni, anticipare la cassa integrazione ai dipendenti senza avere più risorse per farvi fronte.    

Le oltre 4000 aziende di autotrasporto merci e logistica, con 12.000 addetti sono quindi in profonda crisi e richiedono attenzioni e provvedimenti concreti.  Ed anche gli ultimi provvedimenti non sono andati nella direzione sperata. Il cosiddetto “Decreto Liquidità” non ha previsto i tempi di pagamento certi come da direttiva UE ed un canale prioritario per l’accesso al credito delle imprese del settore e come Confartigianato Trasporti ha richiesto alla Ministra De Micheli.                            

E’ urgente prevedere un meccanismo certo per sostenere economicamente le imprese seguendo l’esempio di altri Governi che non hanno esitato a rimpinguare direttamente i conti correnti aziendali. Tutto ciò è necessario – concludono Marzocchi e Gasparoni – perché le imprese di trasporto e logistica, pur tra mille difficoltà, vogliono continuare a lavorare ed anche quelle realtà che l’emergenza ha costretto a fermarsi, vogliono riprendere al più presto l’attività lavorativa se messe nelle condizioni di farlo.

Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info