Attualità

giovedì 22 aprile 2021

Coprifuoco alle 22, Bartolini (Confesercenti): "Per pubblici esercizi e turismo una vera e propria tegola"

Coprifuoco alle 22, Bartolini (Confesercenti): "Per pubblici esercizi e turismo una vera e propria tegola"

di Ufficio Stampa Confesercenti Pesaro e Urbino

Sono sul piede di guerra le associazioni di categoria aderenti a Confesercenti dopo il decreto approvato dal Governo con il quale si mantiene il coprifuoco alle 22.

Un provvedimento che rappresenta una vera e propria tegola sui pubblici esercizi, limitando di fatto in maniera sostanziale la riapertura al pubblico prevista dal 26 aprile, anche se per il momento soltanto all’aperto, che incide profondamente anche sul turismo e su tutta la filiera dell’accoglienza, e che, di fatto, lascia tutti nell’incertezza. Sarà difficile, infatti, nonostante si parli della possibilità di rivedere l’orario, posticipandolo con un nuovo decreto nel mese di maggio, che gli operatori possano decidere di investire su una stagione che in questo modo parte fortemente penalizzata e che eventuali turisti si prendano la briga di prenotare una vacanza nel nostro Paese con il rischio di dover pagare per restare chiusi in camera nelle sere d’estate.

“Siamo dell’avviso che il coprifuoco doveva essere esteso da subito fino a mezzanotte – commenta Giorgio Bartolini direttore provinciale Confesercenti - figuriamoci se possiamo accettare questa assurda limitazione delle 22 con la quale si impedisce ai ristoranti di fare il turno serale, ai bar di lavorare dopo cena e agli alberghi di programmare la stagione. Senza contare le ricadute pesanti su tutta la filiera culturale e dello spettacolo. La discussione sull’ora in più o in meno che si è svolta ieri in Consiglio dei Ministri ha dell’assurdo: sul piatto della bilancia c’è, da una parte, il fatto che all’aperto, come attestato molti esperti, il rischio di contagio è minimo, dall’altra la situazione drammatica di migliaia di imprese per le quali quell’ora in più di lavoro significa la sopravvivenza”.

“Altro nodo –aggiunge Bartolini- è la questione dei dehors: consentire di lavorare solo ai pubblici esercizi che hanno spazi all’aperto è fortemente discriminante, tanto più perché è esplicitamente previsto che altri locali al chiuso, come le stazioni di servizio stradali, possano tranquillamente permettere il consumo all’interno e ci sono poi le problematiche legate alle avversità climatiche. Insomma, un provvedimento parziale e contradditorio. Tutto questo, infine, si inserisce in una campagna vaccinale che si auspica entro breve cominci a dare i suoi frutti e che, al momento, è la vera priorità”.

Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info