Attualità

giovedì 14 maggio 2020

Confesercenti sulle linee guida per la ripartenza: "Ora c’è incertezza ma velocità e concertazione sono punti a nostro favore"

Confesercenti sulle linee guida per la ripartenza: "Ora c’è incertezza ma velocità e concertazione sono punti a nostro favore"

di Confesercenti

Due protocolli con disposizioni differenti: questa la situazione se si confrontano le linee guida già deliberate dalla Regione Marche per la ripartenza e le anticipazioni relative al Documento Tecnico predisposto da Inail e Istituto Superiore di Sanità per i protocolli nazionali attesi a breve.

“Ad esempio, per i ristoranti – afferma Giorgio Bartolini direttore provinciale Confesercenti- le differenze più significative tra i due testi riguardano le distanze tra un tavolo e l’altro: 2 metri per l’Istituto Superiore di Sanità e l’Inail e 1 metro secondo le linee guida già approvate dalla Regione Marche. E’ vero che questo, tra gli operatori, sta creando incertezza, ma è anche vero che il grande lavoro di coordinamento e di concertazione portato avanti dall’Ente regionale con Confesercenti e le altre Associazioni di riferimento, ci ha permesso di poter contare, in anticipo, su punti fermi e su indicazioni chiare e ben definite a tutela della sicurezza di tutti.

La velocità ed il lavoro di sintesi che caratterizzano queste misure, sono sicuramente un punto a nostro favore perché hanno reso l’immagine di un territorio coordinato ed organizzato per la ripartenza. In particolare, nel turismo, comparto per il quale la Regione si è impegnata a condividere le linee guida anche con Emilia Romagna ed Abruzzo così da avere uniformità su tutta la costa, ciò significa anche aver dato l’immagine di un territorio sicuro e accogliente.

Ovviamente gli adeguamenti richiesti sono costosi per le imprese e, a fronte di questi, abbiamo già chiesto alla Regione contributi che vadano a coprire le spese ed anche i mancati ricavi dei mesi di chiusura forzata”.

“Auspichiamo –conclude Bartolini- che le linee guida già deliberate nelle Marche, possano essere propedeutiche anche per la stesura dei protocolli nazionali e che non si entri in contraddizioni strutturali, che sarebbero problematiche per gli operatori, sia in termini di tempo, sia in termini di costi”.

Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info