Attualità

domenica 14 giugno 2020

Confartigianato: "La moda nell'occhio del ciclone Covid, a marzo perso il 51% della produzione"

Confartigianato: "La moda nell'occhio del ciclone Covid, a marzo perso il 51% della produzione"

di Ufficio Stampa

La moda nell'occhio del ciclone Covid-19, la crisi conseguente al coronavirus sta lasciando pesanti conseguenze. Nel complesso a marzo il settore perde su base tendenziale il 51,2% della produzione, con la peggiore performance rispetto agli altri paesi europei. Ad aprile con il blocco totale della manifattura le cose sono peggiorate. La ripresa di maggio è lenta e stenta a decollare in giugno. In questo contesto sono gli artigiani italiani della moda a possedere le competenze per realizzare l’eccellenza dei brand internazionali del lusso come Dior. Parola di Maria Grazia Chiuri, stilista e direttrice creativa della maison francese, che in un’intervista a MF Fashion, scende in campo per sollecitare un riconoscimento istituzionale per la moda italiana, settore economico la cui rilevanza è seconda soltanto al turismo e che si fonda sulle abilità dell’artigianato e delle piccole imprese.

“La testimonianza di Maria Grazia Chiuri – commenta Graziano Sabbatini Presidente di Confartigianato AN-PU –riconosce la centralità delle micro e piccole imprese italiane per garantire l’eccellenza della produzione dei brand mondiali del fashion. Ma ora è tempo di passare dalle parole ai fatti. Le nostre imprese chiedono di poter continuare a lavorare. Al Governo sollecitiamo di dare immediata concretezza agli impegni per consentire alle centinaia di migliaia di aziende della filiera moda di continuare ad essere protagoniste della nostra eccellenza manifatturiera tanto apprezzata nel mondo.  Nella provincia di Pesaro e Urbino sono oltre 1.000 le imprese del settore con 4.00 addetti. Un comparto strategico per la manifattura, di grande qualità, nel quale operano anche imprenditori terzisti che lavorano per grandi griffe e che è impegnato nel rinnovarsi e migliorare la propria competitività, con innovazioni ricerca di styling con valorizzazione delle proprie creazioni, ed anche con propri marchi. In questo periodo di grande crisi Covid-19 David Coppari presidente di Confartigianato Moda An-Pu ricorda che Confartigianato è stata tra le prime a fornire assistenza alle proprie imprese per la produzione di mascherine, tanto che ad oggi si possono contare circa cento aziende del pesarese che lavorano per contrastare il virus e fornire mascherine più fashion e di alta gamma molto richieste dal mercato, camici da lavoro, guanti ecc.

Con queste premesse Confartigianato Moda An-Pu organizza un direttivo allargato alle imprese del settore per martedì 16 giugno alle ore 18 con la presenza di Fabio Pietrella e  Guido Radoani – Presidente e Segretario nazionale di Confartigianato Moda, David Coppari presidente di Confartigianato Moda An-Pu, Silvana Della Fornace dell’Ufficio Internazionalizzazione di Confartigianato An-Pu,  e Gilberto Gasparoni moderatore dell'incontro. Incontro in video conferenza sulla piattaforma GoToMeeting, prenotando la partecipazione sul link
https://global.gotomeeting.com/join/169076925. L'esigenza di sostenere la ripartenza del sistema moda, che ancora  non decolla, permetterà alle aziende di conoscere, le strategie nazionali attuate da Confartigianato Moda e di rappresentare le esigenze delle imprese pesaresi a partire dalla sospensione delle norme contenute nel DL Dignità che limitano le assunzioni a tempo determinato, i contenuti del recente Decreto che valorizza la Pelle ed il Cuoio, il rinnovo del CCNL e la richiesta di stagionalità, un concreto intervento per la liquidità alle imprese e per la semplificazione delle procedure, anche quelle introdotte per il Covid-19, ecc.

Nell’incontro verranno illustrate le iniziative di Confartigianato per l’accompagnamento all’export e gli eventi di promozione fashion, nonché i principali bandi regionali esistenti per il settore.

Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info