Attualità

mercoledì 16 ottobre 2019

Cgil Nuovi diritti: "Aggressione omofoba gravissima"

Cgil Nuovi diritti: "Aggressione omofoba gravissima"

La vicenda del giovane studente universitario aggredito domenica scorsa di fronte ad una discoteca pesarese, perché tacciato di essere omosessuale, è gravissima e non deve essere sottovalutata.

Queste le parole di Cinzia Massetti, Responsabile dell’Ufficio Nuovi Diritti Cgil che da molti anni opera nel nostro territorio per promuovere la cultura del rispetto delle persone contro ogni forma di discriminazione, in particolare quelle basate sull’orientamento sessuale e identità di genere.

“Purtroppo ancora una volta nel nostro territorio – dichiara Cinzia Massetti - si è verificata una orrenda vicenda, dove il branco prende di mira una persona, stando a quanto riferito dai quotidiani, perché ritenuta omosessuale. Questo denota ancora una volta come sia estremamente necessario favorire e soprattutto mettere in campo azioni concrete, a livello istituzionale, per la formazione di una cultura del rispetto delle differenze, per prevenire ogni forma di bullismo e intolleranza.

Quanto accaduto al giovane studente universitario, conferma inoltre una pericolosa escalation che ha visto il passaggio da azioni come muri imbrattati con scritte omofobe, oppure persone costrette ad andarsene da un ristorante per il proprio orientamento sessuale, alle vie di fatto più cruente come il coltello alla gola col quale è stato minacciato il giovane di Urbino.

L’ufficio Nuovi Diritti e la Cgil nell’esprimere la propria solidarietà allo studente aggredito,  si augura che si faccia piena chiarezza sulla vicenda, e che dalla gravità del fatto possa prendere il via anche dalla nostra Regione una legislazione contro l’omotransfobia sull’esempio di altre regioni come l’Emilia Romagna.

A pochi mesi dalle elezioni europee – conclude Cinzia Massetti – facciamo nostro il motto dell’Unione Europea scritto dagli studenti: ‘In varietate concordia’ ovvero: UNITA’ NELLA DIVERSITA’.

Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info