Attualità

martedì 01 dicembre 2020

Cessione UBI Banca, incontro in Regione: "Preoccupazione per la salvaguardia dei livelli occupazionali"

Cessione UBI Banca, incontro in Regione: "Preoccupazione per la salvaguardia dei livelli occupazionali"

di Regione Marche

Secondo incontro promosso dal Presidente del Consiglio regionale, Dino Latini, sulla situazione venutasi a determinare con la cessione di filiali e punti operativi Ubi a Bper Banca da parte di Intesa Sanpaolo.  

Dopo il confronto con le organizzazioni sindacali di settore, questa volta il dibattito  ha coinvolto i rappresentanti di Confapi, Cna e Confartigianato. 

Al centro dell’attenzione Latini ha posto soprattutto le problematiche legate alla salvaguardia dei livelli occupazionali, al mantenimento del centro direzionale di Jesi e alle garanzie per il credito alle imprese e alle famiglie. 

Fornendo il quadro complessivo dell’esistente, da parte dei presenti sono stati evidenziati i sostanziali mutamenti in atto nel sistema bancario, che lasciano intravvedere un graduale allontanamento dai canoni classici di rapporto stretto con il territorio. Un segnale non positivo per lo stesso territorio regionale, che nel corso di pochi anni ha visto scomparire ben tre istituti di credito come Banca Marche, Banca Popolare ed ora anche Ubi. 

Tra gli elementi di preoccupazione, quello che accadrà a marzo quando finirà la moratoria sui mutui. Oltre alle criticità determinate dall’emergenza epidemiologica, potrebbero emergere anche quelle generate da un inceppamento nel sistema di gestione. Un dibattito, come sottolineato nel corso dell’incontro, che merita senza dubbio l’approfondimento ad ampio raggio. 

Il Presidente Latini si è riservato una condivisione con la Giunta regionale rispetto alle problematiche esposte; l’avvio dell’interlocuzione con Intesa San Paolo e Bper e una disamina dell’intera questione relativa alle regole bancarie nell’ambito della Conferenza plenaria dei Consigli regionali, di cui è entrato a far parte dopo la sua recente elezione.

Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info