Attualità

giovedì 09 aprile 2020

Ceriscioli: "Grazie a tutti i marchigiani per la loro dedizione, a partire da quelli impegnati nella ricostruzione"

Ceriscioli: "Grazie a tutti i marchigiani per la loro dedizione, a partire da quelli impegnati nella ricostruzione"

di Regione Marche

"Questa sarà una Pasqua diversa. La nostra è una regione che ha affrontato emergenze e sfide ma queste non hanno sfibrato i marchigiani che, in ogni ambito, hanno lavorato con dedizione e orgoglio. Colgo l’occasione di queste feste per dire loro grazie a nome mio e di tutta la giunta – dichiara il presidente della regione marche Luca Ceriscioli - a partire da tutte le persone impegnate, a vario titolo, nella ricostruzione. Abbiamo avuto dei segnali che ci fanno ben sperare, ma la nostra attenzione è massima.
Prima di tutto il personale degli Uffici della ricostruzione: sono in arrivo 116 unità in più. Sono in atto le procedure di reclutamento, per luglio l’obiettivo è di avere incrementato le forze. Ricordo che delle 7.856 pratiche presentate fino ad oggi 3.266 sono quelle approvate e di queste 1.366 completate.
Poi un'altra misura molto attesa. Nei giorni scorsi sono stati trasferiti i primi 50 milioni di euro agli Usr per il pagamento del 50% delle parcelle ai professionisti che hanno già presentato i progetti di ricostruzione – continua il presidente - Le domande presentate ad oggi sono 350 per un totale di 10 milioni liquidati come anticipo ai professionisti, con un valore medio di 28 mila euro. Ci aspettiamo che cifra continui a crescere, il tetto è 31 milioni.
Nonostante le difficoltà, i tecnici continuano a mandare avanti le pratiche lavorando a domicilio. L’analisi dei progetti avviene infatti operando sulla piattaforma, i contatti interni sono garantiti dai sistemi di video conferenza che si applicano a grandi e piccoli gruppi. Il ricevimento al pubblico avviene con gli stessi orari della normalità e si possono contattare i singoli istruttori attraverso i numeri telefonici che sono inseriti nel portale dell’USR con i rispettivi nominativi (http://www.regione.marche.it/Regione-Utile/Ricostruzione-Marche).
E’ stato avviato, già dall’inizio di marzo, il pagamento dei lavori eseguiti dalle imprese, prescindendo dalle percentuali contrattuali da raggiungere, come previsto dall’ordinanza commissariale numero 97: i pagamenti si attestano intorno ai 100 milioni di euro.
Il Cas (contributo di autonoma sistemazione) continuerà ad essere erogato anche a chi avesse trasferito la residenza o il domicilio fuori regione, purché nell'ambito delle quattro regioni del "cratere sismico".
Si è concluso oltre il 90% dei progetti (totale 106 per 21 milioni e mezzo di euro) realizzati con i fondi raccolti con gli sms solidali subito dopo il terremoto del 2016 con il versamento degli ultimi fondi a saldo delle opere terminate. , 81 sono le opere completate, 18 quasi finite.
Tra questi: l'adeguamento delle elisuperfici di soccorso a Belforte del Chienti, Castelraimondo, Cingoli e Fiuminata, il centro polivalente a Caldarola e una palestra a Camerino.
Ci sono anche i 50 milioni deliberati dal CIPE da destinare all’edilizia residenziale pubblica. Venti milioni vanno per gli interventi di ricostruzione degli edifici danneggiati, gli altri 30 per interventi, sempre di edilizia pubblica, a sostegno delle popolazioni colpite dal sisma.
Il Commissario straordinario Legnini ha capito dove stava il nodo; velocizzare, per consentire ai marchigiani colpiti dal sisma di tornare a vivere nelle loro case, sotto il profilo individuale, invece, sotto quello collettivo, vedere una comunità che si ritrova. Poi c’è un secondo aspetto, quello economico innescato da tutte le misure che sta mettendo in campo, molto velocemente, per snellire la ricostruzione.
Dare ossigeno all’edilizia è strategico perché è un settore che traina decine di imprese e consente di rimettere in modo una economia.
Questo è tutto quello che abbiamo sempre chiesto in tutte le sedi istituzionali, al presidente del consiglio Conte, ai parlamentari, nelle Conferenze con i presidenti. Il Commissario sta lavorando bene, vuole provare, con le ordinanze, a sbloccare la situazione.
In questa collaborazione con una figura così autorevole e competente come il commissario, che ha lucidamente letto il fabbisogno, nel rapporto naturale che ci sarà tra lui e il governo sarebbe molto forte che il senso di emergenza che si è colto appieno nell'emergenza Covid, tanto da spingere l’esecutivo a varare una misura mai vista prima, si ritrovasse anche nel piccolo del nostro terremoto, piccolo per Roma, grande per noi, con i suoi 30mila sfollati. Sarebbe molto importante poter avere la stessa visione, cioè dare una risposta straordinaria che non c'è mai stata. Ad oggi la ricostruzione pubblica viaggia su norme ordinarie” conclude Ceriscioli.
“Questo per noi è un momento di grande impegno, stiamo pagando 1200 stati di avanzamento delle pratiche che corrispondono a 70 milioni di euro – spiega Cesare Spuri, direttore USR -. In questo moneto abbiamo cercato di immettere risorse nell’attesa di nuove norme. Ci vogliamo far trovare pronti avendo saldato i debiti: sia in termini di parcelle corrisposte ai tecnici che di pagamenti per i lavori eseguiti dalle imprese”
“Il nuovo commissario ha impresso una accelerazione forte ed ha sbloccato delle questioni ferme da mesi – conclude l’assessore alla Protezione Civile Angelo Sciapichetti - Si è aperta una fase di speranza nuova per gli amministratori locali e per le famiglie marchigiane”.

Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info