Attualità

venerdì 03 aprile 2020

Cassa Integrazione in deroga, finora nelle Marche 6 mila domande per un totale di 16 milioni di euro

Cassa Integrazione in deroga, finora nelle Marche 6 mila domande per un totale di 16 milioni di euro

di Regione Marche

I servizi informatici della Regione Marche stanno gestendo in queste ore le oltre 6 mila domande, per un totale di 2 milioni di ore e 16 milioni di euro di Cassa integrazione in deroga per i lavoratori dipendenti non coperti dalle tutele ordinarie. 

Il sistema si è subito attivato, nonostante i tempi di azione strettissimi e l'ampia platea di beneficiari, mai entrati prima nel sistema. 

Per gestire l'inevitabile sovraccarico del sistema Co Marche, è in fase di attivazione una piattaforma completamante dedicata, che sarà operativa dall’inizio della prossima settimana. Il sistema resta tuttavia disponibile anche questo sabato e domenica.

Si ricorda che la cassa integrazione in deroga viene concessa per 9 settimane con decorrenza dal 23 febbraio 2020 su richiesta dei datori di lavoro del settore privato inclusi quelli agricoli, della pesca, del terzo settore e del mondo delle professioni compresi gli enti religiosi civilmente riconosciuti, con unità produttive nelle Marche.

Beneficiari sono i lavoratori dipendenti sia a tempo determinato che indeterminato (operai, impiegati, quadri, apprendisti con contratto professionalizzante, soci lavoratori delle cooperative con rapporto di lavoro subordinato, lavoranti a domicilio in regime di mono commessa, pescatori anche delle acque interne, imbarcati a qualunque titolo e /o iscritti a ruolino di equipaggio e tutti gli altri lavoratori dipendenti con qualsiasi forma contrattuale di lavoro subordinato).

La causale per il ricorso alla CIGD è unica: “sospensione effettuata per l’emergenza epidemiologica da Coronavirus -COVID 19”. La domanda di CIG in deroga deve essere presentata dal datore di lavoro interessato in forma telematica al sistema COMarche entro il 31 luglio 2020.


Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info