Attualità

sabato 30 novembre 2019

Caso Berloni, Ricci: "Inaccettabile che imprenditori stranieri trattino in questo modo un’azienda"

Caso Berloni, Ricci: "Inaccettabile che imprenditori stranieri trattino in questo modo un’azienda"

Caso Berloni, Matteo Ricci chiama il governo: «Ho deciso insieme al presidente della Regione Luca Ceriscioli di coinvolgere subito il governo per la strana vicenda Berloni. Alessia Morani, sottosegretario allo Sviluppo economico, è già al lavoro sulle autorità del Taiwan per fare pressione sui soci che hanno deciso di mettere in liquidazione l’azienda. È inaccettabile per l’Italia che imprenditori stranieri trattino in questo modo un’azienda che si è ripresa e che funziona. Speriamo che la protesta del governo italiano possa essere utile a un ripensamento dei soci taiwanesi sulla procedura di liquidazione. È una partita molto complessa, ma faremo di tutto per mantenere marchio, produzione e posti di lavoro a Pesaro», dice il sindaco, che pubblica la lettera spedita a Morani. Nel testo si ripercorre la vicenda e si definisce «inaccettabile e completamente inaspettata la messa in liquidazione», che ha sconcertato «la città, la famiglia Berloni, i sindacati e le maestranze. Un fulmine a ciel sereno che porterà alla cancellazione dello storico marchio e alla perdita di 85 posti di lavoro, oltre all’impoverimento del distretto del mobile pesarese con ricadute sull’indotto della subfornitura». Nonostante «tutto», inclusi «i sensibili miglioramenti del conto economico e la crescita dei fatturati facesse pensare a tutt’altre prospettive per l’azienda» . Si chiede pertanto «un intervento immediato verso le autorità di Taiwan per fermare l’iter della liquidazione volontaria», scongiurando «la registrazione dell’atto notarile alla Camera di Commercio».  


Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Questo sito usa cookie di Google Analytics per raccogliere dati in forma esclusivamente aggregata al fine di migliorare l'esperienza degli utenti e le funzionalità del sito.

Leggi l'informativa estesa