Attualità

lunedì 09 marzo 2020

"Cari ragazzi, annoiatevi", la lettera del sindaco Dellonti ai giovani di San Lorenzo in Campo

"Cari ragazzi, annoiatevi", la lettera del sindaco Dellonti ai giovani di San Lorenzo in Campo

di Davide Dellonti, sindaco di San Lorenzo in Campo

CARI RAGAZZI, ANNOIATEVI!

Cari ragazzi, cari giovani, cari adolescenti,

mi rivolgo a voi direttamente oggi, perché abbiamo proprio bisogno di un vostro sforzo particolare!

Niente di speciale, vi chiediamo di annoiarvi un po’!

Una delle frasi più forti ed efficaci che ho visto in queste ore, è proprio questa: “annoiati è meglio che intubati”: è per questo che mi è venuto in mente di rivolgermi a voi in maniera diretta.

Vi chiediamo di stare a casa, di evitare di andare a fare ostinatamente l’aperitivo tutti in gruppo, se proprio volete farlo state distanti l’uno dall’altro almeno 1 metro, e non radunatevi fuori dai locali dopo l’orario di chiusura alle 18! Evitate di giocare a calcetto, di vedervi in gruppo, di organizzare feste in casa, di stare vicini gli uni agli altri! Non fate cene di massa, non andate a giocare tutti assieme o radunarvi nei parchi giochi, al campetto, vicino al monumento ai caduti, o da altre parti del paese che conosciamo..

Chi ve lo chiede?

Ve lo chiediamo tutti noi, e ve lo dovreste chiedere anche voi. Ve lo chiedono gli operatori sanitari che stanno combattendo come martiri negli ospedali per combattere questo “nemico invisibile”, che è il #covid-19, il “Coronavirus”.

Ve lo chiedono i vostri nonni e le persone immunodepresse, le persone con patologie pregresse, le persone più deboli e fragili. Loro sono i primi che in caso di contagio, potrebbero avere conseguenze molto gravi.. sino ad arrivare alla morte. Voi magari avete il virus, siete asintomatici e neanche sapete di averlo contratto, ma potete trasmetterlo a loro! E per loro, la battaglia si fa più dura..molto!

E poi, sinceramente, vi confesso una cosa: non è vero che i giovani neanche si accorgono di avere il “Coronavirus” o lo sconfiggono come una normale influenza. Certo, i dati statistici che sin’ora abbiamo in mano, badate bene è tutta nuova questa battaglia e di dati se ne hanno pochi, affermano che di solito il giovane supera bene il contagio. Ma da chi lavora in trincea, in Lombardia ad esempio, afferma che nei loro reparti di terapia intensiva, fra gli “intubati”, ci sono anche tanti ventenni e trentenni, purtroppo.

Il tempo dell’aperitivo e del calcetto, verrà dopo! Adesso aiutateci a combattere questa battaglia!

Di fronte alla gravissima emergenza causata dall’epidemia di Coronavirus è compito di ogni cittadino adottare ogni comportamento necessario per evitare una propagazione fulminea del virus che avrebbe conseguenze deflagranti per l’intero sistema sanitario nazionale. E’ compito anche vostro!

Mi rivolgo a voi giovani ed anche ai vostri genitori perché vi sensibilizzino su ciò, perché in questo momento dovete anche voi darci una mano!

E’ ora di avere un po’ di senso civico, ve lo dico, perché in questi giorni ne ho visto un po’ poco da parte vostra… Vi ho visto spesso in gruppo, senza rispettare alcuna norma di distanziamento, vi ho visto a condurre una vita come se nulla fosse, come se tutto ciò fosse una lunga vacanza da scuola o una sorta di “divertimento” alternativo.

State a casa per un po’, riscoprite o scoprite qualche passione, quale hobby, studiate (la scuola tornerà e poi si che saranno dolori se non avrete aperto libro per oltre 1 mese).

Sapete cosa vuol dire “ozio”? Ma non l’ozio che un dizionario della lingua italiana riporta oggi come definizione. Andate a cercare cosa i latini intendevano per “otium”! Ecco, quello che potete fare in questi giorni è appunto questo, come lo definiva Cicerone: “Studio delle arti liberali e del pensiero filosofico, come una caratteristica dell'uomo libero che ne fa strumento di impegno civile e politico”. Declinato al giorno d’oggi: Studiate, studiate ed approfondite qualcosa che vi piace, qualcosa che non avevate tempo di studiare, qualcosa che vi incuriosisce, così diverrete adulti migliori e soprattutto “donne ed uomini liberi”.

Pensate a quante cose potete fare in questi giorni, non buttate via il tempo, crescendo capirete come la ricchezza più grande non è il denaro, ma il “tempo”!

Quindi cari ragazzi, giovani, adolescenti… ricapitolando:
- Evitate di uscire
- Non frequentate luoghi affollati
- Non create assembramenti fra di voi
- Tenete la distanza fra di voi di almeno 1 metro
- Adottate tutte le precauzioni igienico-sanitarie
- Per tutto il resto: USATE LA TESTA!

Mi raccomando eh…. vi tengo d’occhio! :)

Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info