Attualità

mercoledì 03 agosto 2022

Agenzia di investigazioni Vigilar Fano: "6 partner su 10 hanno tradito il coniuge, abbiamo un boom di richieste"

Agenzia di investigazioni Vigilar Fano: "6 partner su 10 hanno tradito il coniuge, abbiamo un boom di richieste"

di Ufficio Stampa Vigilar Fano

Secondo le statistiche mostrate dai maggiori siti di incontri come Gleeden, in Italia, per quanto riguarda l’intera durata della vita di coppia, solo il 30% delle coppie rimane fedele, circa nel 40% delle coppie almeno uno dei due partner ha tradito almeno una volta, mentre nel restante 30% entrambi tradiscono o hanno tradito. D'altra parte, stando ad «Incontri-ExtraConiugali.com», l’Italia porta a casa il trofeo europeo dell’infedeltà con un tasso di traditori del 58%. Sono queste le motivazioni che, specialmente durante la stagione estiva, spingono i partner a rivolgersi ad agenzie di investigazione privata per smascherare presunti casi di infedeltà coniugale. Tra le agenzie che operano nel settore, e che dall'inizio dell'estate hanno registrato un vero e proprio boom di richieste, c'è Abax Investigazioni con sedi a Rimini e Fano. Tra i servizi svolti dall'agenzia, che è associata a Federpol, ci sono proprio le indagini sui tradimenti amorosi in una coppia sposata: obiettivo è quello di smascherare una frequentazione nascosta da parte del coniuge che, una volta documentata, può diventare causa di separazione con richiesta di addebito ed eventuale risarcimento del danno.

“La fede al dito, simbolo di fedeltà e amore, prova inconfutabile che si è sentimentalmente impegnati, a volte diventa un condizionamento troppo forte per chi vuole sentirsi libero di interagire con gli altri più apertamente e in anonimato – spiega la responsabile Francesca Frontaloni -. Uno dei segnali più espliciti che qualcosa non va con il partner è accorgersi che lui/lei la toglie in certe occasioni o ritrovarla riposta in qualche cassetto remoto. La nostra lunga esperienza investigativa consiglia di non trascurare questi segnali ma agire rivolgendosi ad esperti per un’indagine. Il post pandemia ha portato un aumento del desiderio di evasione e trasgressione, non solo virtuale. Le statistiche ci dimostrano che gli italiani sono ai primi posti quando parliamo di tradimenti”.

Le questioni familiari sono molto delicate e vengono affrontate con la massima riservatezza: “quelle che ci si presentano più spesso – aggiungono i due responsabili - sono i tradimenti, separazioni con addebito, divorzi litigiosi con battaglie legali in atto, affidamento dei figli minori, determinazione dell’assegno di mantenimento, o revisione delle condizioni di mantenimento, controversie familiari di vario tipo, successioni, rintracccio persone, monitoraggio minori e loro frequentazioni, verifica uso di droghe o abuso di alcool. volgiamo da 20 anni attività investigativa nel settore privato e aziendale, abbiamo collaboratori molto esperti che utilizzano tecnologia di ultima generazione durante le indagini. Utilizziamo quotidianamente i gps di supporto ai pedinamenti, localizzatori satellitari che hanno trasformato il modo di “pedinare” una persona, ora si fa virtualmente dal proprio pc e si interviene a spot se e quando lo si ritiene opportuno. Anche le microtelecamere vengono utilizzate spesso, occultate su richiesta e nel rispetto della legge,che è molto restrittiva in questi casi, sono risolutive in alcuni casi ad esempio impiegate in furti in azienda o attività commerciali.

Ma gli investigatori privati possono entrare in gioco anche nel caso delle separazioni. “L’assegno di mantenimento concordato in sede di separazione tra coniugi in favore della parte economicamente più debole e/o lesa nonché dei figli, va corrisposto mensilmente entro una data prefissata. Il codice penale punisce i responsabili della violazione degli obblighi economici in materia di separazione con la reclusione fino a un anno o multa da 103 a 1.320 euro. L’investigatore privato può dare un contributo decisivo con un’indagine mirata atto a far chiarezza e procurare prove valide in giudizio inerenti a situazioni controverse”.

Condividi

Primo, registrazione presso il Tribunale di Pesaro n°3/2019 del 21 agosto 2019. P.Iva 02699620411

Primo utilizza Cookie di terze parti per personalizzare gli annunci pubblicitari e analizzare il traffico in ingresso. Fornisce informazioni ai Partner sul modo in cui utilizzi il sito, i quali potrebbero utilizzarle secondo quanto previsto delle proprie norme. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei Cookie da parte dei servizi citati nell'Informativa Estesa.

Maggiori Info